Cerca in News Spazio

lunedì 13 gennaio 2014

Chang'e-3, lander e rover hanno superato la loro 1° notte Lunare, bellissime immagini ad alta qualità


NEWS SPAZIO :- Sono trascorsi i 14 giorni della 1° notte trascorsa sulla superficie Lunare dalla sonda Cinese Chang'e-3, lander e Rover Yutu.
Entrambi i veicoli erano stati messi in uno stato di "ibernazione" lo scorso 26 Dicembre, con l'approssimarsi della lunga notte.

Adesso che il Sole è tornato nella regione del Mare Imbrium, il sito di allunaggio della sonda Cinese, i pannelli solari di Yutu hanno potuto generare sufficiente energia per risvegliare il rover.



Yutu si è svegliato autonomamente alle ore 5:09 ora di Pechino di Sabato scorso ed è pronto a ricevere comandi dal centro di controllo BACC (Beijing Aerospace Control Center).

Anche il lander si è riattivato automaticamente, alle ore 8:21 di Domenica ed anch'esso è nello stato di normale funzionamento.

Sebbene il rover sia stato progettato per resistere almeno 3 mesi sulla superficie ed il lander per un periodo di 1 anno, non vi era alcuna garanzia che i 2 veicoli spaziali fossero in grado di superare con successo la 1° notte lunare.
Si è trattato di un passaggio critico della missione, sopravvivere a temperature estreme fino a -180°C, task svolto con successo grazie ad un sistema di riscaldamento a radioisotopi presente sia un Yutu che nel lander.

Nel frattempo ecco una prima serie di immagini ad alta qualità da poco rese pubbliche dalla Chinese Academy of Sciences.

La prima foto del post (che ripropongo anche qui sotto) è stata ripresa dal lander il giorno di Natale, ed è la prima immagine della Terra scattata dalla superficie Lunare sin dagli anni '70.


Ecco un'altra immagine che ritrae sempre la Terra, ripresa ancora dal lander, con la Extreme Ultraviolet Camera (EUV Camera) per osservare la plasmasfera, la parte di magnetosfera Terrestre compresa tra le fasce di Van Allen e la magnetosfera più esterna.


La maggior parte delle foto di missione viste fino ad ora erano di bassa qualità. Si trattava sostanzialmente di "foto di foto" (diffuse poi dai canali di stato), cioè di fotografie scattate agli schermi giganti del Beijing Aerospace Control Center mentre questi mostravano le immagini arrivate dalla Luna.

Adesso le cose vanno meglio. Ecco Yutu ripreso dal lander il 15 ed il 16 Dicembre



ed il lander ripreso da Yutu




Qui sotto invece ecco due panorami a 360°, il primo ripreso dal lander


ed il successivo dal rover


Concludo con gli ultimi minuti prima dell'allunaggio dello scorso 14 Dicembre




Immagini, credit Chinese Academy of Sciences.

Fonte dati, Xinhua, Universe Today.

14 commenti:

  1. Toh….. sono di questo pianeta anche loro, wow non ci posso credere. Scherzi a parte, l'immagine della terra avvolta dal plasma è bellissima.

    RispondiElimina
  2. Bandiere a parte...devo ammettere che seguo sti cinesi con l'UNICA speranza che tutti faremo qualche scoperta che ci cambi il mondo. O non ci sarà un mondo da cambiare fra 50 anni..12 miliardi di anime, temperatura in aumento..QUALCUNO di voi sogna che la VITA sulla Terra resterà sempre cosi'?...illusi. Speriamo proprio che QUALCHE nazione scopra qualcosa che sia comunque utile a tutti. O le bandiere saranno cenere. in 1 secolo.

    RispondiElimina
  3. lamaschioplastico@blogspot.it13 gennaio 2014 14:47

    La speranza che nutro io ( e credo parecchi uomini del Partito) sia quella di individuare rapidamente i giacimenti di elio-3 più favorevoli allo sfruttamento.
    Da lì spero ne vedremo delle belle.

    RispondiElimina
  4. Servirebbero anche per far star meglio e far sorridere di più il nostro Giò?

    Però vai cauto Vare, non allentare la guardia, non diventare troppo accondiscendente con questi cinesastri.
    Questo rover potrebbe essere un cavallo di Troia (non è una parolaccia ... :)

    RispondiElimina
  5. A Giorgio e Lamaschio.
    Semplicemente scordatevelo ! tutto cio' non accadra' nell'arco della vostra vita,ne dei vostri figli,ne dei vostri nipoti.
    Mi dispiace essere cinico, ma e' cosi'.
    Negli ultimi due anni ho partecipato a numerosi corsi europei,su ambiente,risorse,ed energie rinnovabili.
    Vi posso dire che il problema non e' tecnologico,ma solo economico.
    Per economico intendo la visione distorta che si e' venuta a creare negli ultimi 40 anni quando si parla di economia. Questo termine ormai non ha piu' senso essendo stato soppiantato dal termine profitto.
    Tutto si basa solo in termini di profitto e basta, tutto il resto non conta assolutamente.
    Lamaschio ha parlato dell'elio 3 riferendosi alla possibilita' della fusione e dell'energia che tale elemento potrebbe donare all'umanita.
    Ebbene oggi nel mondo vi sono circa 450 reattori nucleari nel mondo,a cui si aggiungono altri 150 in costruzione a altri 200 in fase ipotetica.
    Calcolando una vita media di circa 40 - 60 anni a reattore cio' ci porta a posticipare la faccenda elio al 2070-2080 (se va bene).
    Il problema e' che l'economia spinge verso beni che non sono rinnovabili, e dal momento che non sono rinnovabili,piu' scarseggiano piu' il loro valore aumenta esponenzialmente. E cio comporta come effetto collaterale che tutto cio' che e' rinnovabile e a basso costo rappresenta paradossalmente un pericolo per l'economia.
    Molti di voi vedono fa fine del petrolio come un grosso problema ed hanno ragione, ma per l'ecomomia malata questo sara' una manna dal cielo.
    Vuol dire vendere un barile di petrolio a 30-50-100 volte di piu' il suo prezzo iniziale.
    Tradotto, vuol dire che se voi estraete 100 barili a 100 dollari l'uno in futuro potrete estrarne anche solo 1 e fare lo stesso guadagno! col 99% di forza lavoro in meno. Fare il pieno di benzina potrebbe costarvi fino a 400 euro ! e prender un biglietto aereo potrebbe costarvi da 15.000 euro in su.
    Sicuramente per voi sarebbe una catastrofe, ma per la compagnia aerea e la pompa di benzina sarebbe una manna dal cielo.Stessa cosa per acqua pulita,energia,cure mediche ecc.
    Qualcuno di voi potra dire che sono tutte scemenza perche' raggiunto un certo prezzo la gente non farebbe piu' benzina. Questo e' vero, ma a patto che vi si dia un alternativa ! Quindi e' imperativo non darvi nerssuna alternativa ! ecco perche', mentre la tecnologia galoppa a passo di carica,quando si parla di energia pulita o di rinnovabili, sentite sempre il solito espeto da stapazzo invitato in trasmissione dire..."sarebbe bello ma non abbiamo la tecnologia".
    Le alternative ci sono ma danneggerebbero questa economia malata e i potenti che ci gravitano intorno.
    Qualcuno potrebbe dire si ma se si va avanti cosi' tra cento anni.....
    Sbagliato ! l'economia attuale si basa esclusivamente alla fine della giornata quando si fissano gli indici di Wall Street a questa gente non interessa cosa accade tra sei mesi o tra 10 anni.
    E brutto dirlo ma e' cosi.

    Danile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniele, concordo è malata, forse anche gravemente per l'equilibrio del mondo, che è di fatto squilibrato da questa malattia.
      Ma, non potrebbe essere una manna dal cielo quello che tu dici, se non per un breve momento storico, anche senza alternative possibili.
      Non è che se non ci sono alternative, si decide che non c'è altro da fare che pagare.

      Chi, quanti potrebbero pagare un prezzo così alto?
      Pochissimi e sempre di meno, non potrebbe funzionare, le risorse personali della gente comune chiaramente non si moltiplicano digitando un importo virtuale.

      Il sistema che tu paventi non potrebbe svilupparsi, non con quei valori che tu citi indicativamente.
      Altri equilibri si modificheranno certamente, nel bene e nel male, ma non vedo come potrebbe funzionare in quel modo, sarebbe un fuoco di paglia.

      Elimina
    2. Io non ho scritto che non avvrerra' mai in assoluto.
      Semplicemente si dovra' aspettare che la curva ecomomica raggiunga il picco massimo di sfruttamento.
      E un po' come una miniera dove si continua ad estrarre finche non si finisce il filone solo dope che sara' esaurito ci si pone il problema del dopo.
      Riguardo in termini generali tu ti poni la faccenda in termini quasi etici,ed hai ragione,ma a questa gente non frega nulla di etica.
      per esempio in America, li le cure mediche sono a pagamento, se hai i soldi bene...senno muori ! e fine della faccenda.
      interessa solo il profitto che se ne ricava e non quanta gente se lo puo' permettere.
      Se tu sei a capo della Ferrari di certo non ti preoccupi che un operaio non possa comprarsene una !
      La stessa cosa varra' a breve anche per i beni che noi consideriamo primari,semplicemente perche' ormai e' tutto in mano ai privati.
      Se oggi imbottigli acqua minerale e vendi mille bottiglie ad un euro a mille persone,quando l'acqua pulita iniziera' a scarseggiare potrai venderne anche solo
      500 a cinque euro l'una. Perderai la fetta di mercato che non puo' piu' permettersela ma il tuo fatturato sara' ugualmente cresciuto.
      Chi non potra permettersela semplicemente berra' acqua sporca e basta.
      Sia chiaro io aborro tutto cio' ma e' quello che sta accadendo in tutto il mondo a piccoli passi...dalla sanita',alle sementi killer,al prezzo degli alimenti che contina a salire,ecc,ecc.
      Per farti un esempio pratico terra terra.
      Quanto costano le cure dentistiche in italia ? Molto moltissimo ! e chi non puo' permettersele ? semplice non vi accede punto e' basta.
      La curva economica sappiamo tutti dove ci sta portando. Avremmo sempre piu' risorse concentrate in mano a pochi e sempre piu' persone che ne vengono escluse.
      Capisco il tuo ragionamento, ma chiediti,
      su 9 miliardi di persone quante hanno accesso a cibo a acqua ? quante a energia,mezzi di trasposto,cure mediche ecc ?
      Pochissime ! meno del 15%-25% su scal mondiale.
      In futuro la fetta si restringera' e l'aumento dei prezzi compensera' la fetta esclusa.
      Ecco perche' si parla tanto che e' imperativa una rivoluzione economica,ma in termini attuali e' impossibile perche' chi gestisce ha troppi poteri anche in termini militari.
      Tutto cio' non e' giusto, ma sta succedendo. Guarda cosa sta succedendo in Italia dove hanno privatizzato l'acqua con bollette da 1000 euro. Se non paghi ti chiudono il ribinetto,e fine,hai voglia a far ricorsi.
      Ripeto e' veramente un mondo malato.

      Daniele

      Elimina
    3. Solo ancora questo e solo come informazione utile anche ad altri: se il viaggio rientra nelle possibiltà economiche del paziente, oggi può andare a curarsi i denti in Slovenia, costa molto meno, sono capaci, veloci ed organizzati.

      Relata refero, io non ci sono andato, chiedo scusa al mio caro amico EK, abile dentitista personale che mi vede così raramente, non vorrei fargli perdere dei pazienti.

      LUNA, LUNA, parlate della Luna cinese, basta miserie umane per adesso!

      Elimina
  6. Mi chiedo se, nell’immagine verde della fotocamera EUV, quella zona rettangolare a forma di tubo o canale, poco più grande dell’area che demarca la sfera terrestre, sia reale od un indesiderato artefatto, una riflessione interna della fotocamera stessa.

    Penso che possa essere reale, ma non ci metterei la firma.

    RispondiElimina
  7. E interessantissima la forma toridale che ne consegue.
    I toroidi hanno sempre affascinato gli scienziati,alcuni la chiamano la geometria del cosmo.
    Su internet potete trovare infiniti link alla questione,dalla scienza,fino alla new age.

    Daniele.

    RispondiElimina
  8. Osservando queste bellissime foto ho ritrovato le stesse emozioni quando, da bambino, osservavo gli americani passeggiare sulla luna.Sono trascorsi molti lustri da quelle imprese e quante cose sono cambiate.L''Urss ovvero l'impero di satana non c'e' piu' ora ci sono i cinesi e anche gli indiani che inviano la loro sonda su marte.Ma osservo che molte altre cose non sono cambiate per es ' il nazionalismo che accompagna queste sfide tecnologiche.Quanto spreco di denaro, di energie e di personale per creare duplicati tecnologici.Nazioni che hanno ognuna il proprio programma spaziale.Gli americani, che non vogliono che la Cina cooperi nell Iss..L'india che fa da se perche' anche questa nazione non e' gradita .Ragionamente molto infantili a parer mio..Spero solo che che l' Europa non sia cosi stupidamnte accecata da interessi di parte e pensi seriamente nel proprio interesse a cooperare con questi nuovi attori che stanno dimostrando le loro capacita'.Intanto gli americani con la loro politica di parte stanno foraggiando le loro industrie, e ben vengano i privati ci mancherebbe.Pero' che tristezza sono passati 40 anni ma molte cose nella testa di questi politicanti non e' cambiato ...a parte la collaborazione forzata con i taxi spaziali russi e la collaborazione obbligata con l'Europa nel programma ISS , diversamente nessuno da solo l'avrebbe costruita,Capisco che il mondo non e' idilliaco ma e' ora di finirla di mostrar bandiera e di sedersi ad un tavolo comune per far progredire chi come noi paga le tasse per vedere un vero progresso .Povero Neil tu hai fatto un piccolo passo nella speranza di contribuire all'avanzamento dell'umanita'.Umanita'che ancora si illude, come sostiene l'anonimo articolista ,ovvero non si muove chiodo se questo non muove soldi.E' cosi la scienza e' costosa e servono molti soldi e questi ultimi non lo fanno per la gloria ma solo per il oro guadagno.Se avessimo ragionato in modo meno meschino oggi saremmo ben al di la' del sistema solare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, e vi sono molti esempi che abbiamo sotto al naso di pseudocollaborazioni ma che di fatto non sono funzionali.
      Prendiamo per esempio la Nato, si potrebbe pensare che e' un ente a difesa dell'Europa.
      E invece i fondi tutelano solo gli interessi della aziende belliche nazionali dei singoli paesi
      In caso di conflitto non potremmo aiutare per esempio la Gran Bretagna in termini logistici e di ricambi perche' usano ancora in larga parte gli Harrier, a loro volta la Gran bretagna,non potrebbe aiutare la Francia che usa i propri mezzi come i Mirage e i Rafale...e via dicendo....
      Si dovrebbe chiedere aiuto agli Usa per i mezzi che usiamo in comune come gli F15.F16 ecc....
      Insomma un esercito di difesa Europea che tra di essa non parla la stessa lingua,e non usa gli stessi mezzi,e che in caso di conflitto dipenderebbe da terze parti....
      Eppure di soldini la Nato ne ha spesi un bel po'....ma di fatto non sarebbe in grado di difendere un bel nulla.
      Anche se non mancano ersempi di collaborazione come gli Efa,i Tronado ecc.
      Eppure nonostante gli ottimi risultati si preferisce comprare aerei e mezzi dagli USA
      vedi caso F35 (che e' un fallimento assoluto,ma visti i soldi investiti per salvare le aziende USA ci tocca a noi Europa comprarne un bel po')
      Guardate l intervista al progettista dell f-16
      e pilota progettista piu' famoso del mondo cosa ne pensa senza peli sulla lingua degli F-35
      http://www.youtube.com/watch?v=3DwQyjOok-U

      Un bel controsenso che si giustifica solo con la parola Busine$$$$$.

      Daniele

      Elimina
    2. Claudio B,
      concordo si poteva fare di più, meglio e in fretta di quello che si è fatto come ricerca e sviluppo in astronautica ma la stessa cosa si può generalizzando dire che molti problemi che affliggono i paesi poveri ma anche e diversamente quelli ricchi, potevano e possono essere risolti, con una maggiore consapevolezza dell'uomo dell'importante e fondamentale principio etico del mutuo soccorso, del destino comune...in parole ancora più povere^_^, guardando oltre il proprio giardino di casa...

      Il processo di unificazione di intenti è evidentemente difficile, essendo miliardi di individui cresciuti ognuno con una propria idea della vita....condizionata fin dalla nascita dal luogo di nascita e dall'imprinting della famiglia.
      Ma chiediti se nell'America degli anni 50(maccartismo), avresti trovato qualcuno disposto a scommettere su una distensione ideologica e politica tra le due super potenze fino ad arrivare a condividere un megaprogetto dall'enorme importanza per tutto il mondo come lo è la International Space Station!! Forse solo qualche scrittore visionario e un pò pazzoide di fantascienza... ^_^!!

      Il protocollo di Kyoto è un'altro esempio di una crescente e necessaria consapevolezza che ci sono proplemi globali che vanno affrontati comunemente perche solo cosi si potranno risolvere!!
      Dispiace che gli americani non abbiano retificato il trattato, ma ci arriveranno anche loro!!
      Per quanto riguarda l'Unione europea, dopo molti decenni senza guerre finalmente in Europa si è sentito il bisogno di unirsi in una federazione, trovo che bisognava però copiare il modello americano, con una sola banca centrale e con alcune istituzioni comuni, per esempio sulla difesa ha ragione Daniele, dovremmo dotarci di un unico esercito, con tutti lo stesso equipaggiamento preferibilmente costruito in Europa.
      Ma anche per questo forse i tempi non erano ancora maturi, però il tentativo è stato fatto e io lo trovo un tentativo di popoli che hanno raggiunto un momento storico e civile tale, che unirsi si rivela come l'unica arma per non essere implementati da altre nazioni più culturalmente lontane dalla nostra.
      Una strada da percorre..l'unica strada da percorrere!
      Io preferirei dichiararmi europeo prima di italiano....e chissà fra qualche millennio forse parlando di noi... ci verrà normale dichiarci.... terrestri o marziani^_^!

      Quindi aspettiamoci in futuro collaborazioni importanti anche da e tra quelle nazioni che oggi si quardano con diffidenza e preferiscono fare da soli, la Cina diffondendo le informazioni provenienti dalla Luna, dimostra un diverso modus operandi del quale siamo tutti sorpresi....
      forne un segnale di un possibile cambiamento in atto.
      Speriamo, avremo bisogno di tutto l'aiuto possibile...Marte ci aspetta e non sarà una passeggiata...hemm..RIP..Neil, non te la prendere, non volevo sminuire la tua!!


      By Simo



      Elimina
  9. Bla Bla : c'è un LIMITE a tutto: 5.4 e rotti Gradi. Poi scatta la Convezione e l'Effetto Serra diverrà ESPONENZIALE..Quando la Terra supererà quella soglia,e LA SUPERERA' prima o poi, perderemo 180 grandi Città. Avremo desertificazione, Oceani più alti di 6 metri, tempeste che le attuali saranno fenomeni da baraccone. Poi si può anche credere che sia fantasia.: il LIMITE esiste. E sarà raggiunto se andiamo avanti cosi'. Punto.

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.