Cerca in News Spazio

venerdì 9 novembre 2012

HD 40307g, un nuovo candidato esopianeta nella zona abitabile della sua stella?

(Immagine, credit G. Anglada-Celestia)

NEWS SPAZIO :- Un team Internazionale di astronomi ha individuato un nuovo potenziale candidato esopianeta che si troverebbe nella zona abitabile della propria stella, e quindi avere acqua allo stato liquido nella sua superficie.

Il gruppo di ricerca guidato da Mikko Tuomi dell'University of Hertfordshire Centre for Astrophysics Research (UK) ha analizzato dati disponibili pubblicamente generati dallo spettrografo HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher) del telescopio di 3,6 metri dell'ESO (European Southern Observatory, Cile).



I dati (345 HARPS) sono stati analizzati con un nuovo software tool chiamato HARPS-TERRA. Ed ecco quali sono le conclusioni degli studiosi.

Ci troviamo a 43 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Pittore. L'attenzione è su HD 40307, una stella nana arancione di cui è già noto che ospita tre pianeti in orbita.

La nuova ricerca invece afferma di averne individuati almeno altri tre, ed uno di questi è particolarmente interessante perché la sua orbita è all'interno di quella che viene definita la zona abitabile di una stella, cioè una fascia intorno alla stessa stella posta ad una distanza tale da permettere la presenza di acqua liquida nei pianeti le cui orbite ne ricadono all'interno.
E l'acqua liquida è un ingrediente necessario affinché si sviluppino quei processi che noi chiamiamo vita (ovviamente la vita come noi la conosciamo).

Questo esopianeta, denominato HD 40307g, sembra proprio "giusto" da questo punto di vista. Si tratterebbe di una super-Terra (così come anche i suoi "fratelli"). La sua massa è infatti almeno 7 volte quella del nostro Pianeta. Esso orbita intorno alla sua stella ad una distanza che è simile alla distanza Terra-Sole, circa 0,6 AU (AU=Astronomical Unit) il che dovrebbe corrispondere ad un anno di circa 200 giorni.

Gli studiosi stimano che a questa distanza HD 40307g possa ricevere dalla sua stella circa il 62% della radiazione che la Terra riceve dal Sole.

Inoltre HD 40307g risulta essere sufficientemente lontano da HD 40307 da non esserne in rotazione sincrona. Il pianeta cioè non offrirebbe sempre la stessa faccia al suo sole, ma al contrario dovrebbe presentare un'alternanza giorno/notte.

Gli altri esopianeti intorno ad HD 40307 sono invece molto vicini, tutti all'interno della distanza tra Sole-Mercurio.

Ma HD 40307g resta ancora un "candidato" esopianeta. Sono necessarie ulteriori osservazioni prima di confermarne o meno l'esistenza. Secondo lo stesso team di ricerca una sua migliore caratterizzazione però avrebbe bisogno di analisi difficilmente realizzabili con telescopi al suolo.

Un articolo che presenta la ricerca è in corso di pubblicazione sulla rivista journal Astronomy & Astrophysics. Eccolo

Qui sotto la press Release dell'Università di Hertfordshire


Ecco come potrebbe presentarsi HD 40307g in questa simulazione



Enjoy!

21 commenti:

  1. Perché non iniziare a mandare messaggi radio verso quegli esopianeti che si suppone possano essere abitati?? In questo caso se si avesse fortuna (molta fortuna) si potrebbe avere anche una risposta in tempi astronomicamente accettabili.. perchè non tentare? Che ne pensate?? Sarebbe così vano fare un tentativo?? Secondo me bisognerebbe tentare..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Claudio Costerni9 novembre 2012 17:59

    Propongo di far comporre il testo del messaggio da Astorre, ci sono maggiori probabilità che venga compreso.
    Nemo profeta in patria.
    Lo mandiamo con il radiotelescopio di Arecibo, anche questa volta?

    RispondiElimina
  3. ..con le antenne di Radio Maria il segnale arriverebbe più pulito!! :-DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai le imprecazioni che raccoglie nel viaggio??? hahahha

      Elimina
    2. Claudio Costerni9 novembre 2012 23:17

      Secondo me Radio M..ia... potrebbe essere il segnale di fondo che si è generato durante la formazione della Terra, ma potrei sbagliarmi.

      Ora pro no...

      Elimina
  4. Essendo il sistema planetario a 43 anni luce da noi i nostri segnali radio li hanno ricevuti da diversi anni, ma non avete visto il film Contact con Jodie Foster? Se fosse così la loro risposta starebbe già viaggiando verso di noi... magaaaari !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh..se sono 43 anni che trasmettono.. dovremmo sentirli anche noi.. ma quando al seti si sente un WOW nascondono il tutto... di wow ce ne sono già stati 2, uno esiste ed è stato acertato, ma i complottisti come me, sanno benissimo che le forze militari hanno mascherato il segnale...

      Elimina
  5. ..il mio era un riferimento a un quadro più ampio di pianeti.. tu puoi mandare segnali a chi vuoi ma quando arrivano bisogna saperli interpretare.. e sopratutto bisogna avere la conoscenza per poterli ricevere.. anche qualche anno di differente sviluppo scientifico è letale alla riuscita di questo programma.. anche noi abbiamo ricevuto due volte dei segnali radio piuttosto modulati, tali da non farci pensare ad interferenze ma più facilmente ad una costruzione "inteligente" di tali segnali.. il bello è che provengono da una zona di spazio dove apparentemente niente potrebbe generarli.. siamo in attesa di intercettarli di nuovo e stavolta vedrai che si daranno da fare per capirci di più.. e questa è una cosa vera eh, non come la storia delle astronavi in rotta verso la terra che arriverbbero a dicembre!! Comunque.. un giorno lo troveremo il gemello di questo nostro umido pianeta.. ad Astorre dico.. hai ragione a dire che ci sono moltissimi corpi celesti non abitabili.. che spreco no?? Ma nell'universo la vita non è cosa che si sviluppa con facilità.. non tutti i pianeti possono avere la fortuna e le coincidenze del nostro.. pensa quante cose per noi sono andate giuste.. e quante poche storte finora.. è per questo che va studiato bene l'universo, Marte in primis e ogni posto che potrebbe avere in grenbo la vita.. lasciamo stare Titano.. il problema è uno solo.. e lo dico anche all amico astrofisico che su Europa ci andrebbe anche domattina (..ma ci troverebbe già la!!) e cioè, che al momento noi non sappiamo viaggiare nello spazio.. perchè siamo delle lumache, se non sviluppiamo un modo per muoverci, non andremo mai ad esplorare niente, mettiamocelo bene in testa.. con i soldi si può costruire tutto, ma non c'è un rivenditore spaziale di astronavi dove si può andare e comprare l'Enterprise!!! Con tanti soldi saremmo soltanto delle lumache ricche, ma sempre lumache saremmo.. siamo dei poppanti in quest'universo.. e non sappiamo neanche addentrarci con equipaggio nello spazio al di fuori della nostra orbita.. dove possiamo andare così?? Andreste in formula uno a correre su una macchinina rossa,scintillante, ma a pedali?? Bisogna imparare a viaggiare.. quel che facciamo adesso è scroccare qualche spinta dai giganti esterni per muovere più rapidamente qualche sonda, tutto qui.. e mi pare piuttosto pochino!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gran discorso, hai sintetizzato tutto quello che penso anch'io... prima di rispondere ai post li leggerò tutti... ciaoo

      Elimina
  6. Claudio Costerni9 novembre 2012 21:45

    Ale,

    per favore, ci dai qualche dettaglio sul quando è il dove abbiamo ricevuto quei segnali modulati sospetti.
    Vari anni fa avevo visto un documentario sull'argomento, ma la conclusione era stata che si era trattato dell'interferenza di trasmissioni radio terrestri.
    Poi non ho più sentito e visto alcunché sull'argomento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un lavoraccio trovare queste "bufale"... e forse è perchè è un lavoraccio trovarle che nessuno le sa... internet è censurato... cerca su google, il tubo ed e-mule notizie riguardanti SETI WOW... di piu nn so dirti.. forse ale ne sa..

      Elimina
    2. c'è anche un filmato molto ingannevole perchè sembra un doc vero, dove si narra di un segnale ricevuto e di quello che potrebbe accadere.. ma direi che è semi fantascienza.. per come finisce

      Elimina
    3. Claudio.. tempo fà Gianni Minoli ci fece una puntata de "la storia siamo noi".. io non ne sapevo niente e rimasi di stucco.. il titolo non lo ricordo di preciso ma riguardava i contatti alieni.. cerca su emule vedrai che la trovi.. ciao

      Elimina
  7. certe volte, per interpretare i chapta, ci vorrebbe un'analfabeta che disegna quello che vede!

    RispondiElimina
  8. volevo aggiungere.. perchè come dico sempre l'ignoranza che avanza non è mai abbastanza.. ma i colori, le nuvole e i continenti sono di pura fantasia.. vero?
    O sono in grado di individuarli con i loro software di rendering sofiSTICAtissimi, dalla macchia nera che vedono transitare davnti al loro sole?

    PS, per quanto riguarda le frequenzw che riceviamo dallo spazio, recentemente, ho visto un burlone del SETI (penso) che diceva... fin'ora abbiamo ascoltato solo una determinata fascia di frequenze, (ora non le ricordo), da poco hanno iniziato ad ascoltare altre fascie, e si sono accorti che ci sono molti segnali "strani".... ma potrei sbagliarmi...

    RispondiElimina
  9. Si Gianni, ti confermo che finora abbiamo ascoltato solo la frequenza dell'idrogeno neutro
    http://it.m.wikipedia.org/wiki/Riga_a_21_cm_dell'idrogeno_neutro#section_4
    Perche si dice che se una civiltà come la nostra volesse contattarci userebbe quella x comunicare. Ora ci mancano solo alcuni migliardi di altre frequenze da ascoltare. Dopodiché potremo esserci abbastanza evoluti da poter cercare segnali laser come aveva suggerito 20 anni fa Carlo Rubbia, ma non ne so abbastanza da capirci qualcosa.

    RispondiElimina
  10. Il segnale più promettente registrato era proprio sulla riga dell'idrogeno neutro. Cerco il saggio scritto sul fatto e lo posto. La cosa imbarazzante è che non può essere "validato" perché captato solo una volta. Ma scusate tutti i segnali da noi inviati a scopo di contatto quante volte sono stati inviati? Una . E quindi? Qualcosa non torna.

    RispondiElimina
  11. Una cosa un pò OT: avete letto questo?
    http://scienze.fanpage.it/la-nasa-lavora-a-una-nuova-missione-per-la-luna/

    RispondiElimina
  12. Claudio Costerni11 novembre 2012 03:02

    L'ho letto adesso!

    Grazie per la segnalazione, tempi di progetto ragionevoli ma non brevi, Luna, non Luna, asteroidi, Marte punti lagrangiani... mi piace, mi auguro che non arrivi un'altro presidente dopo Obama che per necessità o diversa mentalità faccia perdere altro tempo e blocchi o rallenti tutto.

    RispondiElimina
  13. Vero, ieri vedevo un documentario su DMAX (Mega costruzioni, mi pare) evidentemente vecchio di almeno cinque anni), in cui si magnificava il progetto Constellation come una nuova era dell'esplorazione spaziale, del ritorno sulla Luna come sicuro e via così...
    Poi sappiamo come è andata...

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.