Cerca in News Spazio

sabato 25 agosto 2012

I nuovi traguardi dei programmi NASA Commercial Crew And Cargo

(Immagine, credit NASA/ESA)

NEWS SPAZIO :- Kennedy Space Center, Florida. Giovedì scorso l'Amministratore Capo della NASA Charles Bolden ha annunciato il raggiungimento di alcune milestone importanti nei programmi COTS (Commercial Orbital Transportation Sevices) e CCP (Commercial Crew Program) di coinvolgimento delle compagnie commerciali nel nuovo corso dell'Ente Spaziale Americano voluto dall'attuale amministrazione del Presidente Barack Obama.

Gli ultimi traguardi raggiunti dai partner commerciali hanno fatto sì che il prossimo inverno vedrà l'inizio dei voli regolari di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale e che entro 5 anni prenderà il via il trasporto di astronauti da e verso l'orbita bassa.



Bolden ha infatti annunciato che la società Space Exploration Technologies (SpaceX) ha completato lo Space Act Agreement con NASA per i servizi COTS ed è quindi certificata al trasporto di cargo verso la ISS.
Il primo volo made in SpaceX di rifornimento COTS - il 1° dei 12 previsti - partirà il prossimo Ottobre da Cape Canaveral.

Fate molta attenzione alle parole di Bolden: "Stiamo lavorando per aprire una nuova frontiera di opportunità commerciali nello spazio e per creare nuove opportunità di lavoro proprio qui in Florida e negli Stati Uniti. E stiamo lavorando per riportare a casa il lavoro che attualmente è svolto altrove, riportarlo qui in USA a cui appartiene". Quest'ultimo riferimento è certamente il servizio di trasporto di astronauti USA per la ISS che attualmente è acquistato dalla Russia a bordo delle capsule Soyuz.

Il capo della NASA ha anche annunciato che l'azienda partner Sierra Nevada Corp. ha completato la sua prima milestone all'interno della NASA CCiCap (Commercial Crew integrated Capability sempre all'interno del programma CCP) per la realizzazione di un sistema di trasporto spaziale per astronauti basato sul veicolo Dream Chaser.

Per tutti i dettagli sul nuovo corso NASA di spinta verso il mondo delle industrie private andate a consultare le sezioni 'privati' e 'politica' del blog


http://newsspazio.blogspot.it/search/label/politica

Per tutte le notizie invece dei progressi di SpaceX andate alla sezione 'SpaceX' del blog

http://newsspazio.blogspot.it/search/label/SpaceX

7 commenti:

  1. Quando penso che gli unici due stati che in questo momento hanno la possibilità di mandare in orbita astronauti sono Russia e Cina a me viene la pelle d'oca :(

    RispondiElimina
  2. Claudio Costerni26 agosto 2012 02:28

    Tito Stagno ha detto che gli USA hanno rinunciato definitivamente a ritornare sulla Luna, glielo avrebbe detto Aldrin, compagno di volo di Amstrong e Collins nel 1969, sull'Apollo 11.
    Non lo sapevo.
    Qualcuno sa esattamente il perché?

    Mi chiedo se è una scelta obbligata dai tagli finanziari e dallo spostamento di interesse verso Marte, oppure se c'è dell'altro ed è una scelta obbligata da qualcunaltro...

    Ha detto "definitivamente" non "per il momento"!
    E secondo Aldrin ora sono interessati a Marte e Phobos.

    RispondiElimina
  3. Scusate se vado un pò off-topic ma....

    LUTTO NEL MONDO DELLO SPAZIO - E' MORTO NEIL ARMSTRONG!!!

    Sergio, questa si che è davvero una bruttissima notizia!

    RispondiElimina
  4. http://www.ilpost.it/2012/08/25/e-morto-neil-armstrong/

    RispondiElimina
  5. Neil Armstrong, morirà veramente solo quando l'ultimo uomo della nostra civiltà morirà, e se questo non dovesse essere, vorrà dire che sarà immortale!Non potrà mancarci perchè ci sarà sempre, il suo ricordo ci accompagnerà fino ai confini dell'universo...

    By Simo

    RispondiElimina
  6. Claudio Costerni26 agosto 2012 05:45

    E le sue impronte incise sul suolo della Luna sono ancora e lì resteranno probabilmente per migliaia o milioni di anni testimoni di una grande, straordinaria impresa, con un grande uomo assieme ad Aldrin, impresa però che oggi non si vuole più intraprendere.

    Sono fortunato di averle viste tutte quando ero bimbo.

    RispondiElimina
  7. ..Beh.. Armstrong aveva 82 anni.. per un uomo degli anni '30 è vissuto oltre le aspettative di vita di quel periodo.. è da considerare inoltre CHE COSA gli ha dato la vita.. come giustamente sottolineato da Claudio e Simo, gli è stato donato il privilegio di entrare nella storia, in modo straordinario.. colui che PER PRIMO nella storia dell'uomo ha messo piede su un altro corpo celeste!!! Ragazzi.. altro che immortalità!!!! E qui vi lascio con un argomento di riflessione, che, per non essere sempre off-topic,potrete fare nell'intimità dei vostri pensieri..
    Pensate quanto sia diverso il destino delle nostre vite, deciso alla nascita per il luogo, la famiglia, il benessere in cui nasciamo.. deciso nel percorso di vita da malattie, scelte nostre e altrui, situazioni socio-politiche degli stati in cui viviamo, malattie ereditate dal patrimonio genetico o contratte involontariamente, incidenti di percorso legati al lavoro o alla casualità di tutti i giorni.. e poi infine la fine di tutto.. e c'è chi ha avuto tutto e chi rimarrà per sempre solo e unico interprete della sua vita e nient'altro.. e nessuno di noi l'ha volontariamente scelto!! Armstrong non penso si possa lamentare.. Ciao a tutti :-)

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.