Cerca in News Spazio

martedì 19 giugno 2018

Vita extraterrestre nell'Universo... parliamone!

(Credit NASA/Jenny Mottar)

NEWS SPAZIO :- Riprendiamo il cammino delle nostre discussioni iniziato qualche mese fa con una nuova sezione del blog che periodicamente propone un argomento di discussione tra quelli che più sono attuali e magari anche meno dibattuti dai media.
Potete contribuire liberamente a tutte le discussioni, questa ed anche a quelle passate. Basta andare alla sezione che trovate a questo URL


Finora abbiamo parlato di cose davvero toste e devo dire che i lettori hanno risposto e stanno rispondendo molto bene. Perfetto, è proprio questo uno degli obiettivi di questo blog, stimolare la discussione e portare la nostra attenzione su temi che ci riguardano direttamente, anche se la percezione comune spesso è di altro parere.

Oggi propongo una provocazione, giusto per gettare un po' di luce su di angolo che merita di essere approfondito. Resto in ambito spaziale e la domanda è semplice.

C'è un argomento che da millenni occupa le passioni delle menti umane, avanzando indenne nei secoli e stimolando sempre più la nostra fantasia ed i nostri dibattiti, siano questi filosofici, religiosi, tecnologici. E c'è una domanda che ne è la sintesi più netta. Siamo soli nell'Universo?

No, non è questo l'interrogativo di oggi. E' solo il punto di partenza per la nostra riflessione.



C'è un elemento che negli ultimi anni caratterizza sempre più le missioni di esplorazione spaziale, siano queste effettuate da sonde automatiche oppure svolte da telescopi sulla Terra. Ed è connesso al nostro punto di partenza.

La scienza fa del suo meglio inviando veicoli spaziali ad esplorare i pianeti interni del nostro sistema solare ed i più esterni. Ci siamo spinti anche molto oltre il nostro sistema solare, le sonde Voyager sono nello spazio interstellare. Abbiamo lanciato in orbita telescopi spaziali che vanno a caccia di pianeti lontani simili al nostro.
Abbiamo fatto e continuiamo a pianificare missioni di esplorazione nei corpi celesti più vicini a noi. Ascoltiamo lo spazio alla ricerca di segnali artificiali provenienti da chissà quale forma di vita intelligente.

La ricerca della vita extraterrestre non è mai stata tanto attiva quanto lo è in questi nostri tempi.

Tutti noi ci entusiasmiamo quando ci viene detto che è stato individuato un nuovo esopianeta delle giuste dimensioni ed alla giusta distanza dalla sua stella e che quindi potrebbe avere oceani di acqua liquida sulla sua superficie.

Oppure quando Curiosity individua molecole organiche nel sottosuolo di Marte o quando spuntano fuori nuove conferme della presenza di un oceano sotterraneo di acqua su Enceladus. E tra poco avremo il nuovo telescopio spaziale NASA James Webb.

Insomma, la stella polare, ciò che ci dà la rotta, sembra essere sempre quella, cercare in tutti i modi prove definitive della possibile presenza di vita oltre la Terra.

Una ricerca come ho detto entusiasmante ed appassionante. E la domanda che pongo a tutti noi oggi è semplice:

Perché?

Perché andare alla ricerca di vita nel cosmo? Perché impegnare sempre più ingenti risorse per cercare eventuali prove di vita passata o presente, o individuare microorganismi nel sottosuolo di Marte, (perché è quello che potremmo trovarvi, certamente non gli omini verdi).

Ho comunque messo le mani avanti ed ho anticipato subito che si tratta di una domanda un po' provocatoria. Nel senso che vorrei provocare una riflessione su ciò che ci spinge, magari a più livelli (religioso, filosofico, pratico, ecc. ecc.), in questa ricerca.

A questo punto ditemi, perché andiamo alla ricerca di vita nello spazio? Che cosa vi entusiasma della possibilità di trovare una qualche forma di vita extraterrestre?

19 commenti:

  1. Penso che la cosa piu affascinate nel scoprire un'eventuale forma di vita intelligente, sia le differenze nell'affrontare gli stessi problemi che abbiamo avuto noi e nell'eventuale soluzione alternativa trovata.. probabilmente si avrebbe l'ennesima conferma ad una teoria di einstain.. quella della stupidità umana :D.. per quanto riguarda scoprire microbi o altro, lo trovo affascinante ma un po rischioso, ma solo per un'eventuale recupero e studio sulla terra.

    RispondiElimina
  2. Perché? Perché in fondo dobbiamo ancora rispondere alla domanda che sotto sotto tutti ci facciamo: la Terra è un posto speciale o unico?
    Graziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziano, ok, ma "perché" è importante per te sapere se la Terra è un posto speciale ed unico?

      Elimina
    2. Ciao Sergio, per me è importante da un punto di vista filosofico, oggi la nascita della vita è ancora un mistero, una cosa non replicabile in laboratorio, sarà stato possibile in altri mondi come qui?
      Le considerazioni in termini religiosi e culturali si sprecano, ogni nuova informazione potrebbe cambiare la percezione di se stessi nel mondo.
      Penso che tante persone cercano di scoprire questo mossi da un sentimento "primitivo" simile a quello che spinge le persone adottate in tenera età a cercare, una volta diventati adulti, la famiglia naturale.
      Graziano .

      Elimina
  3. Speciale per noi sicuramente, unico speriamo di no. Sarebbe uno spreco di spazio enorme.
    Filippo

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, per come è strutturato l'universo potrebbe essere considerato una forma di vita? E se si di che tipo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ipotesi intrigante. Spesso in natura si osservano fenomeni "moooolto" simili nel piccolo e nel grande. Viene da pensare alla "struttura" di un sistema solare ed a quella di un atomo...
      Nella tua ipotesi però dobbiamo partire dal fatto che nell'universo conosciamo solamente una forma di vita, noi! Magari dovremmo approfondire il concetto di vita per poi generalizzarlo, già e la domanda diventa, "come?"

      Elimina
    2. affermazione azzardata.. ci sono molte forme di vita sulla terra, di ogni sorta e che abitano in qualsiasi posto..

      Elimina
    3. inoltre con seti un paio di wow li abbiamo beccati, peccato che poi non si sono ripetuti... ma a distanza di anni luce, tra noi ed il "generatore di wow" potrebbero esserci una moltitudine di anomalie che bloccano il segnale, partendo da una banale eclissi a cose che probabilmente abbiamo ancora da scoprire

      Elimina
    4. Effettivamente Gianni mi sono espresso male. Con "noi" mi riferivo a tutta la vita sulla Terra, in molteplici forma sì, ma tutta basatasugli stessi "mattoni".

      Elimina
  5. Sergio io penso che per quanto riguarda le ricerche nel nostro sistema solare il motivo per cui vengono fatto risiede nello scoprire il passato del nostro sistema solare e del nostro pianeta per scoprire per cosi dire il futuro che ci aspetta, oltre che per motivi pratici come l'influenza del sole sulla Terra e sugli asteroidi per esempio, se invece parliamo della ricerca di forme di vita extraterrestre fuori dal sistema solare il discorso cambia radicalmente.In questo caso allora è la curiosità umana e la voglia di spingersi sempre oltre che proiettano scienziati a cercare di sapere se siamo solo nel universo o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "curiosità umana", certamente Alex S, sono d'accordo, ma potremmo continuare il gioco... perché siamo curiosi di trovare altra vita?

      Elimina
    2. Se gli esseri umani trovassero nel universo altre forme di vita intelligenti come noi potremmo rispondere a molte domande, come sapere se la Terra è speciale o no , quali sono le condizioni che servono per far nascere la vita, sapere la biologia di queste forme di vita ,se respirano i nostri gas oppure degli altri, se sono a base di carbonio o no oltre che vedere come si è sviluppata la loro tecnologia e se ci può aiutare(in caso sia una civiltà più evoluta) e conoscere la loro cultura,filosofia,religione.

      Elimina
  6. Tema interessante che mi porta una riflessione non scontata.

    Chi vive nello spazio circostante alla terra, nell’universo?
    Siamo soli? Se non lo siamo, tutte le specie che si sono evolute creando civiltà più o meno progredite, hanno una fisiologia simile a quella dell’uomo? Se così fosse potrebbe essere una prova dell’esistenza di una intelligenza superiore che diffonde i suoi geni solo su certi pianeti?
    L’intelligenza che ci ha permesso di guardare verso orizzonti sempre più lontani ed aspirare di poterli raggiungere fisicamente è unica e speciale dell’umano o al contrario molto diffusa nell’universo?
    Perchè sulla terra dove ci sono milioni di specie animali solo una certa scimmia più intelligente delle altre è riuscita ad evolversi fino a lasciare la sua impronta su in altro corpo celeste?
    Oltre che per rispondere a queste domande ed a molte altre, trovo giusto e necessario sfruttare le risorse extraterrestre. La terra diventa sempre più piccola per tutti gli esseri viventi che ci abitano e la nostra specie domina ormai l’intero mondo.
    Credo che il prossimo gigante passo evolutivo non possa che passare dal vivere nello spazio extraterrestre, non solo questo accrescerà lo scibile della mente, ma anche l’esperienza fisica di nascere e morire nello spazio potrà produrre col tempo, perchè no, una mutazione genetica che ci permetterà per esempio di resistere meglio alle radiazioni spaziali o alla decalcificazione delle ossa, forse vivere a bassa gravità permetterà un aumento della scatola cranica e conseguentemente una maggiore massa cerebrale!!
    Ovvio che non dipende solo dalle dimensioni XD, questo vale per qualunque organo eheheh!!!^_^

    Se un giorno riuscissimo a comunicare con un’altra civiltà,
    lo scambio interculturale e … hemm, perchè no, genetico produrrebbe sicuramento un enorme salto evolutivo, mentre la cerchiamo inevitabilmente esploreremo fin dove potremo, come abbiamo fatto per millenni, prima adattandoci al nuovo ambiente per poi modificarlo a nostro piacimento, penso per esempio alla terraformazione di un pianeta, o alla gravità indotta, nelle astronavi del futuro.

    Un amico di lunga data ha scritto questa per me verità ; “E' la vita che cerca la vita.”
    IL contesto di questa frase non si discosta dal tema di questo post!!
    E’ naturale esplorare, lo facciamo fin da piccoli, ci serve per crescere, qualunque intelligenza ci sia la fuori vorrà sicuramente conoscerci e noi non smetteremo mai di cercarla.


    By Simo


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito Simo apri nuovi universi di discussione tutti affascinanti, grazie. Ogni domanda che poni ha implicazioni e conseguenze enormi, nel momento in cui potremmo avere una risposa (in un senso o nell'altro).

      Ti ringrazio anche per le tue parole affettuose e mi piace molto che tu ricordi "E' la vita che cerca la vita".
      Ed a ben pensarci questa potrebbe essere la mia risposta al quesito.
      Siamo esseri sociali e tendiamo a connetterci l'uno con l'altro, a molti differenti livelli. E sì, il contesto, e non solo, le sue implicazioni sono altrettanto affascinanti.

      Elimina
  7. La fantasia umana è sempre stata fervida: nei tempi antichi si favoleggiava di fate e folletti abitanti dei boschi, di draghi e altre creature fantastiche, di strani abitanti di terre lontane.
    Poi col progredire della scienza, si è favoleggiato di omini verdi su Marte, mostri spaziali assortiti e creature aliene più o meno buone o cattive.
    E' normale: è nella nostra natura immaginare cosa ci può essere °oltre°, e se possibile tentare di raggiungerlo.
    Per ora non sappiamo rispondere alla domanda se siamo soli nell'universo e ci accontentiamo di lavorare con la nostra inesauribile fantasia prendendo spunto dalle poche conoscenza scientifiche che abbiamo.
    Aldo

    RispondiElimina
  8. Io credo che biologicamente ormai è "quasi" ufficiale che la vita anche microbiologica, esisti anche al di fuori del pianeta terra, anche solo perchè per come la conosciamo noi, la vita è strettamente correlata alla presenza dell'acqua.. poi se parliamo di esseri extra-terrestri intelligenti, personalmente credo che sulla terra siamo tra i primissimi se non proprio i primi ad esserci evoluti così nel senso che magati esisteranno in futuro altre civiltà intelligent su altri Pianeti ma ad oggi dovremmo essere gli unici... attualmente dovrebbero esserci condizioni pre-dinosauri eventualmente su altri pianeti, magari saranno soltanto vegetali e/o solo meduse elementari.

    RispondiElimina
  9. Magari si trovassero altre forme di vita, questo darebbe un bel colpo alle tante fesserie inculcate dalle religioni.
    A parte questo sarebbe interessante scoprire come altri usano l'energia per vivere come si riproducano o se vivano molto più a lungo di noi, che a pensarci bene non è che siamo proprio ben fatti anche se meravigliosi.
    Renzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe assolutamente interessante (e di grande spessore) confrontarsi con un'altra cultura per di più proveniente da un altro pianeta.
      Per quanto riguarda ciò che dici a proposito delle religioni ti invito ad aggiornare le tue informazioni, dai un'occhiata ad una precedente discussione

      http://newsspazio.blogspot.com/2017/11/scienza-e-religione-incompatibili-o.html

      Elimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.