Cerca in News Spazio

martedì 23 maggio 2017

BEeSpace, un progetto Italiano per un Habitat innovativo su Marte al NASA Space Apps Challenge 2017

(Credit team BEeSpace)

NEWS SPAZIO :- I prossimi due post mi piacciono davvero tanto. Nuove idee, innovazione, passione, fantasia ed impegno sono i motori necessari per raggiungere importanti risultati e nel nostro caso conquistare le stelle. E mi fa ancora più piacere quando tutto ciò è presente nell'ecosistema dei nostri giovani.

Iniziamo quindi con il giovane gruppo di ricerca Italiano che mi segnala Francesco Perrelli che ringrazio di cuore. Li avevamo già conosciuti l'anno scorso, quindi un bentornati su News Spazio.
Ecco il team "BEeSpace", che quest'anno affronta una nuova competizione, la NASA Space Apps Challenge 2017, con un progetto innovativo per un habitat Marziano (e non solo), "H.O.M.E. Lab".



Nell'edizione locale dello Space Apps Challenge svoltasi alla fine del mese scorso in varie città Italiane il team "BEeSpace" si è classificato al 2° posto e sono tutt'ora in corsa per la competizione globale.

"H.O.M.E. Lab" (Hexagonal Open Modular Environment Laboratory) è "...una struttura modulare ispirata al nido delle api che funge da laboratorio di ricerca in isolamento per sperimentare sulla Terra future missioni su Marte o altri pianeti ma che potrebbe avere applicazioni anche in ambito civile".

Obiettivo del progetto è offrire un ambiente confortevole per vivere e lavorare, un ambiente modulare, facilmente espandibile ed in grado di crescere all'aumentare delle esigenze.

E' una struttura a nido d'ape, dove ogni modulo unitario è un poliedro a base esagonale. E non è un caso. E' la struttura più efficiente e razionale come capienza, volume ed espandibilità, in grado di minimizzare gli spazi inutilizzabili, anzi, di azzerarli proprio.

Vediamo il video che hanno presentato alla NASA



ed il progetto per il challenge


Il riferimento è la pagina facebook del team


Ragazzi, grandissimi! Un forte in bocca al lupo da tutto il blog! E fatemi sapere come va a finire, ok?

6 commenti:

  1. Fantastici ragazzi!!

    RispondiElimina
  2. Buon progetto, sia ecologico che tecnologico, bravi
    Nico

    RispondiElimina
  3. Un progetto davvero grandioso! In bocca al lupo per la vostra carriera.

    RispondiElimina
  4. Progetto intereessante ma dobbiamo ricordarci che dovra essere implementato in un razzo per poi essere mandato su Marte riuscendo ad ammartare con sucesso nel luogo designato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed avverrà certamanete così, ad ognuno il suo compito.

      Elimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.