Cerca in News Spazio

martedì 19 novembre 2013

Maven in volo verso Marte, rivediamo il lancio di ieri, video by NASA!

(Credit NASA/Bill Ingalls)

NEWS SPAZIO :- Bellissimo il lancio di ieri della sonda NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile Evolution).
La sonda è partita in perfetto orario alle 19:28 ora Italiana dalla Cape Canaveral Air Force Station in Florida a bordo di razzo vettore Atlas V.

Rivediamo insieme alcuni video della missione, tra cui il lancio.



A 53 minuti dal lancio Maven è stato rilasciato nell'orbita di trasferimento interplanetaria verso Marte, iniziando così il viaggio di 10 mesi che lo porterà in orbita intorno al Pianeta Rosso.

(Credit NASA/LASP/JPL)

Ecco il lancio




la conferenza stampa post-lancio




l'incontro con la stampa prima del lancio




I dettagli della missione li trovate qui

Claudio, questa bellissima foto è per te :-)

(Credit NASA/Bill Ingalls)

Enjoy!

16 commenti:

  1. He! He!

    Sergio, vuoi che te lo vernicio io? … quel cilindro pneumatico.
    Avesse almeno l’aspetto di una fiammante cromatura americana.
    Così sembra il pezzo di un camino ingiallito ed ossidato, smontato da una fabbrica industriale.
    Il carrozziere non ha avuto tempo di finire il lavoro, oppure hanno voluto risparmiare di nuovo sulla vernice (e anche sul peso)?

    Va bene dai, chiudo un occhio, tanto il contenuto e l’importante carico ci sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHAHHA bellissima dedica by Sergio che hai ricevuto Claudio!!!! Non è da tutti^_^!!

      By Simo

      Elimina
  2. a vedere il decollo, mi sa che nn hanno messo il colore altrimenti nn partiva ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa sensazione, lento.
      In genere sono i lanci manned che hanno una partenza soft!!

      By Simo

      Elimina
    2. E' tipica per il razzo Atlas una fase iniziale di ascesa "lenta"

      Elimina
    3. Si.. è un diesel, sapete le candelette.. ;)
      e poi il gasolio non è più quello di una volta.. e poi Claudio.. sai la scelta, con i budgets ridotti della Nasa era.. o lasciare il razzo colore neutro, quello del metallo, oppure passare solo una mano di minio.. beh.. un suppostone arancione.. è stato scartato!! ;)

      Elimina
  3. Evvai....ennesima sonda su Marte, quando c'è da esplorare un intero sistema solare.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao 84 per leggerti dobbiamo lanciare sonde su Marte....per fortuna succede spesso^_^!!!

      Leggendo questo tuo
      commento ho avuto un déjà vu^_^!!!

      By Simo

      Elimina
  4. infatti è quello che chiedo a sergio, fantastico autore di questo sito. perchè marte? perchè SEMPRE marte? esistono tanti pianeti, tante lune di pianeti, eppure si finisce sempre lì con una sonda, dagli anni 70! ora anche l'india. Non pensate che in realtà ci possa essere qualche altro motivo tenuto nascosto forse, per esplorarlo in continuazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché Marte? Perché è la prossima destinazione dell'uomo.
      E' il corpo celeste più vicino che sia un pianeta e che potrebbe in futuro diventare una nuova casa per l'umanità, molto di più della Luna.

      Ed una sonda che va su Marte, non esplora Marte, ma una infinitesima parte intorno al luogo dell'atterraggio.
      Si conosce ancora così poco dei nostri oceani eppure la razza umana è qui da 1.000.000 di anni.

      Inoltre non è esatto che ci si disinteressa del resto del sistema solare. A parte le sonde Voyager, Saturno, Europa, Encelado hanno Cassini: Mercurio ha Messenger; Venere ha Venus Express ed Akatsuki; Giove ha Juno; Ceres ha Dawn; Plutone ha New Horizons; comete ed asteroidi hanno Rosetta; osserviamo l'esterno del sistema solare con i telescopi Spitzer, Hubble, (Kepler, Herschel e Plank hanno da poco terminato)... "and counting...".
      Trovi molti dettagli nelle varie sezioni del blog, sia per missione che per nazione/agenzia spaziale.
      Un'altra cosa, ogni programma di esplorazione spaziale ha obiettivi, costi, tempi di prianificazione, realizzazione e gestione che sono molto ampi. Allo stato attuale della nostra tecnologia occorre pianificare ogni aspetto dei una missione con molta, molta attenzione.

      Elimina
    2. Si Sergio.. ribadiamo un concetto.. ".. e se non ci fosse la Nasa!!".. critiche, critiche, ma se esploriamo qualcosa, seriamente, (il genere umano intendo) lo dobbiamo solo alla Nasa!! L'uomo andrà su Marte.. vogliamo provare a capire qualcosina del salotto in cui andremo a sederci oppure no? E allora.. esploriamo, tutto va bene.. con i mezzi a nostra disposizione oggi, questo si deve e si può fare!!

      Elimina
    3. Ciao Ale, diamo alla NASA tutto il merito dovuto, come a ESA ecc...
      Ma se utilizzassimo veramente i mezzi che potremmo usare, ora commenteremmo l'invio dei primi moduli abitativi su Marte.
      Ciò che è successo nel decennio del 1960 con l'impegno americano sulla Luna è la dimostrazione di ciò che si può fare con la volontà politica a favore di una causa.
      Le critiche che si fanno al programma di esplorazione della NASA ed ESA di questi decenni, in realtà io le rivolgerei a chi decide cosa finanziare e con quanti soldi. L'america ha sempre il dito sul grilletto e moltissimo delle sue risorse finanziare ha scelto in passato e lo fa continuamente oggi di destinarlo al mantenimento delle sue forze armate ed al suo potenziamento bellico, iniziando guerre assurde come
      quella del Vietnam o l'Irak ecc..
      Quindi quando sento che NASA non può neanche provarci a chiedere un aumento di risorse mi fa pensare che chi si accontenta sopravvive, non gode, e non può aspirare neanche in tempi rapidi(10 anni?) di raggiungere traguardi importanti i quali darebbero immediatamente una direzione diversa alla nazione , dall'industria, alla ricerca nelle università fino a cambiare la mentalità e i valori degli americani che hanno il culto dell'arma... con le devianze psichiche che questa cultura partorisce, vedi le stragi degli innocenti nelle scuole americane come sulle città irachene bombardate senza intelligenza.

      L'America può permettersi di scegliere dove progredire e quale direzione prendere, a mio avviso l'esplorazione umana dello spazio è ferma in attesa di chissà quale momento propizio o chissà quale ragione politca/economica o geopolitica!
      Su Marte NASA sta prendendo tempo non potendo ambire al bersaglio grosso finanzia missioni discutibili come MAVEN o InSight.
      Ricerche come queste verrebbero fatte sul posto meglio e con minimi costi, da astronauti in situ.
      Capisco quindi chi non approva questa continua attenzione a Marte, che non porta da nessuna parte...
      MAVEN:
      Determinare il ruolo della perdita di materiali volatili dall'atmosfera nel tempo.
      Determinare l'attuale stato dell'atmosfera superiore, della ionosfera e l'interazione di queste con il vento solare.
      Determinare l'attuale tasso di fuga di molecole neutre e ioni nello spazio, e gli elementi che controllano questo processo.
      Determinare le quantità degli isotopi stabili nell'atmosfera marziana.

      Capirei se questa ricerca fosse destinata ad altri pianeti o lune, critico la scelta di Marte a tutti i costi.
      Anche ExoMars dell'ESA mi sembra un modo per mantenere vivo l'interesse per Marte senza "aggredirlo" veramente!!

      Uniamo gli sforzi e le risorse e non perdiamo tempo, affrontiamo i problemi man mano che si presentano con volontà e decisione.Il nuovo mondo ci aspetta!
      Parole, per rimanere nell'attualità,
      che dovrebbe pronunciare il John F. Kennedy del 21° secolo!


      By Simo



      Elimina
  5. Marte è decisivo per quanto riguarda la conquista spaziale. Il traguardo obbligatorio da raggiungere..finchè un astronauta non pianterà la bandierina... Poi si potranno avere nuovi obiettivi interplanetari. Attualmente la Nasa ha scommesso tutto su Marte ma il motivo è chiaro. L'esplorazione robotica prelude a quella più difficoltosa dell'uomo.
    E' uno stepp obbligato verso l'esplorazione e colonizzazione del sistema solare,passo che a sua volta prelude all'esplorazione dello spazio profondo...ma noi purtroppo vedremo poco...speriamo l'uomo su Marte! Alberto

    RispondiElimina
  6. Ah dimenticavo...gli americani puntano ora a Marte, perché tecnologicamente Nasa e Jpl rappresentano l'avanguardia e dettano i traguardi e il sentiero da seguire per l'esplorazione spaziale. Le altre nazioni stanno alle direttive di chi ha risorse e mezzi per imporre il cammino... peraltro logico perché Marte è l'unico pianeta che offre la possibilità di poter essere terraformizzato e in molti modi sfruttato...Spero di avere dato spunti di riflessione a tutti voi che come me amate profondamente lo spazio e tutto ciò che riguarda l'astronautica. Alberto

    RispondiElimina
  7. E poi chi ci dice che se non si fossero investite le risorse su questa nuova sonda marziana, queste sarebbero state spese per qualcos'altro nello spazio profondo.
    Massimo

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.