Cerca in News Spazio

lunedì 30 settembre 2013

Falcon 9 v.1.1, successo nel 1° volo dimostrativo, video by SpaceX!

(Credit SpaceX)

NEWS SPAZIO :- Ecco il 2° importante evento di ieri, di grande rilevanza per l'astronautica commerciale. L'azienda Space Exploration Technologies (SpaceX) ha effettuato con successo la 1° missione dimostrativa della nuova versione del razzo vettore Falcon 9. Trovate qui i dettagli della missione.

Il primo obiettivo, immettere in orbita un payload commerciale, è stato raggiunto completamente. L'importanza di questa missione ha però altri due aspetti principali, dimostrare il funzionamento di un, di fatto, nuovo lanciatore più potente ed economico (gli aggiornamenti di Falcon 9 v.1.1 rispetto alla versione 1.0 sono davvero tanti) e testare le tecnologie di riusabilità che abbiamo visto all'opera nel prototipo Grasshopper.

Vediamo come è andata.



Il lancio è avvenuto alle ore 18:00 (ita) dallo Space Launch Complex 4E alla Vandenberg Air Force Base, California. Un lancio assolutamente 'Nominal', in cui i nuovi 9 motori Merlin 1D del 1° stadio hanno lavorato alla perfezione.

Rispetto al Merlin 1C, il suo predecessore nel Falcon 9 v.1.0, il motore Merlin 1D è più potente, ha una maggiore resistenza alla fatica e margini termici più ampi sia nella camera di combustione che nell'ugello. Con una minore complessità nel progetto, Merlin 1D ha anche una fase produttiva più semplice.

Merlin 1D genera una spinta al livello del mare di 654 KN (66,700kg), ed una spinta nel vuoto di 716 kN (73,000kg). Inoltre il nuovo motore può essere regolato in spinta, tra il 70 ed il 100%, cosa non presente in Merlin 1C. Questa nuova capacità consente a Falcon 9 di operare profili di missione più flessibili.

Ok, torniamo al volo. A T+2 minuti Falcon 9 ha iniziato a diminuire la spinta dei motori per limitare lo stress nel veicolo (cosa che nel precedente Falcon veniva realizzata spegnendo due motori).

Lo spegnimento dei 9 Merlin 1D del 1° stadio è avvenuta a T+2min e 46 sec. A ciò è seguita la separazione del 2° stadio, anch'esso con propulsore aggiornato, il Merlin 1D Vacuum, il quale ha operato per 6 minuti ed 8 secondi. Il suo spegnimento è avvenuto a T+9 min e 5 sec.

Mentre il 2° stadio stava portando il payload verso il raggiungimento dell'orbita, il 1° stadio ha iniziato il suo viaggio di ritorno a Terra.

L'obiettivo era realizzare un 'soft splasdown' nell'Oceano Pacifico, rallentare la discesa al suolo in modo controllato, per poi in futuro far atterrare l'intero 1° stadio come il prototipo Grasshopper per raggiungere l'ambizioso obiettivo di riusabilità del veicolo.

Nel nuovo Falcon 9 v.1.1 il 1° stadio è equipaggiato con serbatoi più grandi, computer di bordo, avionica e sistemi di guida, quindi è diventato possibile pensare di realizzare un 'soft landing'.

Intorno a T+8 min il 1° stadio è stato riacceso. Il piano prevedeva tre accensioni per rallentare il veicolo prima del rientro, seguite da una caduta libera nell'atmosfera e la riaccensione del solo motore centrale al di sopra dell'oceano per un soft splashdown.

Nella conferenza stampa post-lancio, Elon Musk (fondatore, CEO e Chief Designer di SpaceX) ha confermato che il 1° stadio ha eseguito con successo la manovra di frenata usando tre dei suoi 9 Merlin 1D.  Il veicolo è sopravvissuto al rientro ed alla caduta libera, ma un eccessivo rollio che non è stato controbilanciato dai sistemi di controllo dell'assetto (ACS, Attitude Control System) ha provocato la centrifugazione dei propellenti.
Nonostante la rotazione il 1° stadio è riuscito ad accendere il motore centrale per l'accensione finale ma tale accensione è stata interrotta proprio dal fatto che la rotazione ha provocato all'interno dei serbatoi la centrifugazione dei propellenti, i quali spinti nelle pareti interne dei serbatoi stessi, non erano più disponibili per essere utilizzati dal motore.
Lo splashdown è quindi stato violento e le squadre di recupero hanno trovato solamente pezzi del 1° stadio.

Si è trattato comunque del 1° test di questo genere e lo stesso Musk aveva dato un solo 10% di probabilità di riuscita. Nonostante le basse aspettative gli elementi positivi non sono mancati. Il veicolo è riuscito a riaccendere i suoi propulsori ed è rimasto intatto nella fase di rientro. Inoltre sono stati raccolti preziosi dati che alimenteranno le prossime attività per comprendere meglio le problematiche che hanno portato al fallimento del sistema di ACS, tra l'altro anche lui utilizzato per la 1° volta in questo volo.

Un altro test era in programma, riguardante il 2° stadio. Dopo aver immesso in orbita il payload, il programma prevedeva una nuova riaccensione fino a consumare tutti i propellenti, al fine di valutare le esatte performance del lanciatore, nonché verificare le capacità di riaccensione del 2° stadio dopo un volo libero in orbita di parcheggio.

Lo stesso Musk ha confermato che il 2° stadio non ha riacceso il motore. La causa è nota ed il problema verrà risolto per il prossimo volo.

Ecco il volo di Falcon 9 v.1.1.



Enjoy!

9 commenti:

  1. Questo video è privato ...
    Niente video.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Si, è ok.

      Prima non era visibile nemmeno direttamente in YouTube.
      Ora lo sto scaricando in 720p, poi lo guardo meglio.

      Elimina
  3. Grazie Sergio dell'esauriente spiegazione dei fatti,
    spero che SpaceX rilasci il video del rientro dello
    stadio 1, che sicuramente è stato realizzato...
    Come primo test mi sembra andato molto bene, i problemi sono noti e risolvibili a quanto dicono, e se per il prossimo test li avranno risolti beh...quelli di SpaceX stanno facendo un gran bel lavoro, ho l'impressione che brucino le tappe, che abbiano molta fretta di mettere a fruttare tutto quell'impegno profuso!!Finora non hanno sbagliato un colpo e se riescono a salvare il primo stadio, faranno soldi a palate^_^, con i quali spingersi ancora oltre....chi vivrà..vedrà!!!!
    Ora Sergio, si sa già qual'è e quando ci sarà il prossimo volo di test?
    Spero presto!!

    By Simo

    RispondiElimina
  4. Dunque, se ricordo bene , il prossimo lancio e' previsto a ottobre.Si tratta di un satellite per telecomunicazioni SES-8, il lancio e' previsto dalla Cape Canaveral.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le info Bclaudio,
      decisamente presto.....avranno il tempo per sistemare i problemi e provare di nuovo il test appena concluso?

      By Simo

      Elimina
    2. fantastico vedere come SpaceX lavora e i risultati notevoli che raggiunge con costi veramente contenuti. Grazie Sergio per tenerci così aggiornati!

      Elimina
  5. Nel prossimo lancio di Falcon 9.1 (SES-8) non verranno testate le tecnologie per la riusabilità del 1° stadio. Probabilmente ciò avverrà nel 4° lancio del nuovo razzo vettore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le info Sergio^_^, non vedo l'ora che questa tecnologia venga sviluppata e diventi pienamente operativa!!

      By Simo

      Elimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.