Cerca in News Spazio

giovedì 17 gennaio 2013

Formalizzato nuovo ed importante accordo tra NASA ed ESA per la futura esplorazione spaziale umana

(Immagine, credit ESA-D. Ducros, 2012)

NEWS SPAZIO :- Influenza, KO! E non aggiungo altro! Ma ieri è stata una giornata molto importante per l'esplorazione spaziale, per due ottimi motivi. Ne parliamo in questo e nel prossimo articolo.

La prima novità è l'annuncio ufficiale NASA della collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea ESA per la realizzazione del modulo di servizio della capsula Americana Orion (MPCV, Multi-Purpose Crew Vehicle). Ne avevamo già parlato in precedenza (vedi qui) ma come una possibilità. Adesso è diventata una realtà.

Il modulo di servizio sarà basato sulla tecnologia sviluppata da ESA per la navetta robotizzata ATV (Automated Transfer Vehicle).



L'accordo è stato firmato dalle parti a metà del Dicembre scorso e si tratta a tutti gli effetti di una nuova storica pagina nell'esplorazione spaziale umana.

(Immagine, credit NASA)

Vedo questa notizia come un grande e prezioso frutto prodotto da tutto il grande lavoro svolto in questi anni per il programma della Stazione Spaziale Internazionale. Grazie a questo gigantesco progetto di collaborazione internazionale infatti sarà possibile realizzare obiettivi sempre più ambiziosi "insieme", come esseri umani del pianeta Terra.

E veniamo ai dettagli. Come vedete dall'immagine in alto il modulo di servizio sarà derivato dalla tecnologia ATV, sarà connesso direttamente alla capsula Orion e darà propulsione, energia, controllo termico, fornendo acqua ed aria agli astronauti nel modulo abitativo.

(Immagine, credit NASA)

Dan Dumbacher (deputy associate administrator for Exploration System Development, NASA Headquarters di  Washington): "Lo spazio è stato al lungo una frontiera per la cooperazione internazionale [...] Quest'ultimo capitolo si basa sugli ottimi rapporti tra NASA ed ESA come partner nella Stazione Spaziale Internazionae, e ci aiuta ad andare avanti nei nostri piani per inviare uomini nello spazio più lontano di quanto siamo mai arrivati prima".

Thomas Reiter (ESA director of Human Spaceflight and Operations): "La decisione NASA di cooperare con ESA per il loro programma di esplorazione con la fornitura di un elemento critico per la missione è un forte segnale di fiducia nelle capacità dell'ESA, e per l'ESA è un importante contributo all'esplorazione umana".

Il nuovo modulo di servizio farà il suo debutto nella missione Exploration Mission 1, il volo inaugurale del nuovo lanciatore  USA SLS (Space Launch System) che avrà luogo nel 2017, durante la quale una capsula Orion senza equipaggio raggiungerà la Luna, le girerà intorno per poi tornare sulla Terra. Si tratterà del primo test flight sia del nuovo razzo vettore che della nuova navetta NASA.

Il modulo di servizio si comporterà esattamente come il modulo di servizio delle missioni lunari Apollo, resterà attaccato alla capsula per separarsi solamente prima che questa rientri nell'atmosfera Terrestre. Ecco una simulazione video di questa missione



Qui sotto avete la conferenza stampa NASA-ESA in cui viene presentato l'accordo. E' molto interessante da seguire, non perdetevela



Fonte dati, NASA, ESA.

22 commenti:

  1. è fantastico,la collaborazione internazionale ci riporterà presto sulla Luna...per quanto riguarda Marte e la missione ipotizzata sugli asteroidi credo siano ancora fuori dalla nostra portata con l'utilizzo della Orion che mi sembra piuttosto piccola.In particolare se penso a Marte...un equipaggio minimo di 3 persone per sei mesi in un ambiente cosi angusto. Però diciamo che si gettano le basi per una nuova fase di esplorazione spaziale...fosse soltanto la Luna l'obiettivo sarei comunque contento. Intanto i cinesi possono costruire la loro stazione spaziale,migliorare le tecnologie in loro possesso e di conseguenza spingere Nasa Esa Agenzia spaziale Russa e Giapponese a collaborare di più per mantenere egemonia di tecnologia spaziale.
    Tornando a quanto siglato tra Nasa ed Esa,bella occasione per quest'ultima per migliorarsi e stare al passo con gli americani.

    RispondiElimina
  2. Queste notizie fanno solo piacere.. naturalmente non mi riferisco alla tua influenza Sergio.. per la quale, da Farmacista, se di vera influenza si tratta ( quindi non ci debbono essere sintomi gastrointestinali) ti dico che basta rimanere al calduccio delle coperte e prendere farmaci per diminuirne la sintomatologia, antipiretici in primis.. e poi tutto passa in 5 o 6 giorni!! Buona guarigione!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antipiretici OLTRE i 38,8 39..senno' a che serve al corpo aumentarsi la temperatura per eliminare i batteri e noi la abbassiamo subito?..che consigli del menga..sempre attaccati ai farmaci. A me in 4 giorni è passata la febbre,solo un giorno ho preso l'antipiretico e SOLO quando la febbre era rimasta sopra i 39 per qualche ora..e diamogli il tempo al fisico di arrangiarsi..senno' a forza di medicine curi il "calore"...e NON la causa. Signur..che esagerazione:))

      Elimina
    2. Claudio Costerni22 gennaio 2013 00:38

      Bravo Giò,

      vedo adesso questa tua e sono stupito favorevolmente...
      Volevo dire anch'io qualcosa del genere, ma anche per non essere fuori argomento, mi sono trattenuto.

      Se fossero tutti come me, quasi tutte le case farmaceutiche fallirebbero e resterebbero in commercio solo 2 o 3 decine di categorie di farmaci essenziali.

      Elimina
  3. Claudio Costerni18 gennaio 2013 01:20

    Really Good News!

    Questa è la direzione giusta da seguire, come speravo, collaborazione internazionale sempre più ampia.

    Però vorrei leggere un testo scritto della conferenza.
    Con tutta la più buona volontà, dopo 40 dei 55 minuti del video, mi sono arreso, qui riesco a capire solo frasi o singole parole poco collegate per avere un significato complessivo, aimè.

    RispondiElimina
  4. In bocca al lupo x l'influenza :-)

    x Anonimo (uffi, firmatevi) se il modulo orion andrà su marte, sarà collegato a un modulo abitativo più ampio

    RispondiElimina
  5. grazie per l'informazione Livio...ma di questo modulo più grande si sà ancora poco o nulla.O sbaglio?C'è tempo però dai, almeno fino al 2030-35 ad essere ottimisti.Sempre che le amministrazioni americane di quel periodo abbiano ancora come obiettivo l'esplorazione umana di Marte! Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto, ecco il modulo abitativo di cui parla Livio, gia'in fase avanzata di studio alla NASA, lo trovi ai seguenti link:

      http://www.nasaspaceflight.com/2012/03/dsh-module-concepts-outlined-beo-exploration/

      http://www.nasaspaceflight.com/2012/04/delving-deeper-dsh-configurations-support-craft/

      Giorgio

      Elimina
    2. Ottimi link Giorgio thanks!

      By Simo

      Elimina
  6. Bene questo e' il giusto approccio se vogliamo parlare di umanita'.Spero che un giorno le capacita' spaziali siano allargate anche ai cinesi.Per ora complici questioni politico/militari questa collaborazione e' ancora lontana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio, se è un po che ci leggi sai che ho da molto tempo sognato questa collaborazione e scritto ripetutamente dell'importanza anche per "l'asse"(termine anacronistico finalmente!!) occidentale il ridursi del gap tecnicoscientifico che ancora c'è tra la Cina e le nazioni collaboratrici nella ISS in ambito Spaziale!
      Quando anche questo grande popolo sarà unito nel perseguire sogni che riguardano il futuro, non di un grande Stato ma di un pianeta intero con i suoi abitanti(+-consapevoli^_^), sarà giunto il momento di fare il grande sforzo economico e del sacrificio degli astropionieri, coniata ora esiste^_^(non sarà certo piacevole all'inizio, come Livio, in passato ha giustamente fatto notare,)dicevo... il momento di un grande impegno internazionale, quello di fondare una colonia permanente su Marte!
      Che la collaborazione sia possibile è provata dall'esistenza stessa della ISS e dei suoi costruttori..fino a 50 anni fa in una guerra psicologica radioattiva^_^, ma che ora firmano trattati di disarmo nucleare e usano lo stesso vettore per mandare gli astronauti nello spazio...

      Questa ulteriore collaborazione della quale Sergio ci informa, mi riempie di gioia, di speranza e mi inorgoglisce come Cittadino Europeo sapere che facciamo parte di quelle Nazioni che provano a fare i primi passi in quel nuovo El Dorado che è il Sistema Solare.
      Per ricchezza intendo sopratutto quella conoscitiva, ciò che ci renderà un giorno cittadini dello spazio^_^!

      By Simo

      Elimina
    2. la Cina riduce il gap solo rubando la tecnologia. Se credete sia farina del loro sacco oltre che fessi siete pure utopistici. Prima o poi a forza di copiare impareranno..ma sempre troppo tardi e con una leadership spocchiosa come la loro addio alla "cooperazione". Siete duri a capirlo eh?..bambini speranzosi..

      Elimina
    3. -----------------^-^-------------------

      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-01-09/brevetti-cina-batte-tutti-220838.shtml?uuid=AbzqBoIH

      By Simo

      Elimina
    4. Astore la tua logica non e' del tutto corretta.
      Anche se io disapprovo ricordiamoci che "Rubare" un progetto offre il vantaggio di risparmiare tutti i soldi (e la fatica) che sono occorsi per la sua realizzazione, in piu' offre il vantaggio che queste risorse risparmiate possono essere investite per migliorare il progetto.
      Da un punto di vista "mentale" poi si e' piu' liberi da "preconcetti" che si sono formati durante lo sviluppo del progetto "rubato",e cio' offre nuove prospettive.
      E poi, alle volte l'allievo supera il maestro, e che dire della mole impressionante di laureati,fisici,tecnici, che la Cina "sforna" ogni anno ?
      Io non sarei cosi ferreo nel giudizio,
      Europa e America si sono fatti "fott..re" dall'"alta finanza" con tutte le aziende perse e le competenze individuali,e la ricerca buttata fuori dalla finestra per far si che BCE e Goldman-Sach possano avere dividendi a nove zeri, per almeno 50 anni la partita e' chiusa !
      Per recuperare tutto cio' ci vorra' minimo un ventennio.
      La Cina allora sara' la piu' grande superpotenza mondiale che ci piaccia o no.
      Forse dovevamo stare piu' attenti a cosa accadeva a casa nostra, alla perdita di sovranita'politica e monetaria,all'inganno del "prestito" fatto in maniera che non sia mai ripagabile ecc,ecc,.

      Daniele

      Elimina
  7. La collaborazione con i Cinesi moltro probabilmente avvera' in futuro.
    Ma prima i cinesi hanno bisogno di raggiungere un risultato individualistico.
    Solo allora si "siederanno" di fronte ad un tavolo comune.
    Sembra strano eppure tutte le cooperzioni sono avvenute dopo risultati individualistici, un po' come un club' molto privato dove i vari
    "galletti" hanno dato prova del loro "coraggio" ovviamente per scopi alle volte molto piu' propagandistici che scientifici.
    La Russia fu la prima a mettere in orbita un satellite artificiale.
    Gli americani risposero mandando un uomo sulla luna.La Russia mise in orbita la prima stazione spaziale mentre l'europa si e' distinta con ottimi lanciatori,e ottimi moduli spaziali.
    Ora e' chiaro che i cinesi si sentono "inferiori" in questo campo e per ragioni puramente propagandistiche hanno bisogno di realizzare un progetto spaziale totalmente autoctono.
    Solo dopo saranno disposti a sedersi ad un tavolo comune, senza setirsi "inferiori" agli "occhi del loro popolo".
    Puo' sembrare infantile, ma la politica spesso lo e'.

    Daniele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudio Costerni19 gennaio 2013 19:03

      Probabilmente avverrà così Daniele, non so se è definibile infantile, ma così si comporta spesso il singolo che vuole o deve dimostrare chi è.

      Forse è un comportamento naturale, una legge naturale durante la propria evoluzione, non pensi?
      Talvolta si potrebbe dire un comportamento stupido, chi lo vede dal di fuori lo potrebbe giudicare così.

      Talvolta l'esperienza maturata da uno non vale nulla per un'altro che non la può capire o che la giudica opinabile e non condivisibile.

      Elimina
  8. Credo che, maggiore e' la "forza" di colui che siede al "tavolo" e maggiore e' il vantaggio che ne puo' ricavare.
    Se da un lato lo scenario puo' essere galvanizzante,dall'altro si evince la mia ingenuita' nel sognare possibili scenari,se non proprio alla Star Trek almeno simili dal punto di vista etico.
    Mentre la mia fantasia freme, mi sembra gia' di sentire lo sfregolio di mani ansiose di mettere le mani sulla "paccata" di soldi pubblici, che finiranno nelle casse di enti privati,e gruppi finanziari privati, con il piu' che probabile walzer di appalti che pioveranno nelle tasce degli "amici-degli-amici" a scapito di chi pur avendo idee rivoluzionarie e molto piu' funzionali e' ahime "fuori dal giro".
    Penso che il meccanismo alla base sia alla fin fine dettato piu' dal busines che dalla reale e nobile causa di elevare l'uomo.
    Scusa Claudio ho rovinato la "poesia" ahahaha

    Daniele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Togli pure il "penso" dalla tua frase. E' cosi'. Punto.

      Elimina
    2. Claudio Costerni21 gennaio 2013 13:44

      È così nella maggior parte dei paesi civilizzati che usano il denaro e non il baratto.

      La moneta è come un utensile ed un motore che muove l'agire umano.
      Tutti lo usano per praticità.
      Usarlo bene o male è il problema, ma è anche un problema senza una soluzione definitiva o universalmente condivisibile.
      Quello che può far bene ad uno, può far male ad un altro.

      Giò, lascia che Daniele continui a pensare, che così va bene.

      Non è un militare che deve solo eseguire senza discutere ...;-)

      Elimina
  9. La domanda è: ma questo modulo potrà essere lanciato anche dall'Ariane 5?

    RispondiElimina
  10. Esistono studi di fattibilità per lanciare la capsula Orion a bordo di un lanciatore Ariane 5 ME quest'ultimo in corso di studio e progettazione (nell'ultima Ministeriale ESA ne sono stati garantiti i finanziamenti). Ma lanciare Orion + Modulo di Servizio temo che necessiti di una maggiore capacità di carico.

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.