Cerca in News Spazio

venerdì 30 novembre 2012

Curiosity, il 3 Dicembre a San Francisco gli aggiornamenti della missione, by NASA!

(Immagine, credit NASA/JPL-Caltech)

NEWS SPAZIO :- E' appena stato pubblicato dalla NASA un comunicato sulla prossima conferenza stampa che si terrà Lunedì 3 Dicembre a San Francisco al meeting autunnale dell'American Geophysical Union (AGU).

Come avevo scritto nel precedente post, NASA darà gli ultimi aggiornamenti sulla missione del Mars Science Laboratory Curiosity. Il comunicato NASA continua dando un accenno di risposta alle innnumerevoli voci dilagate nei giorni scorsi nei media di tutto il globo circa eventuali storiche scoperte da parte del rover.

La parola d'ordine è prudenza, ed in questo senso vanno lette le nuove notizie.



La conferenza stampa sarà un aggiornamento sul primo utilizzo completo di tutti gli strumenti di Curiosity per analizzare un campione di terreno sabbioso preso dal suolo (vedi qui).

Sono due le frasi importanti dell'articolo NASA che sintetizzano tutta la questione.

"Rumors and speculation that there are major new findings from the mission at this early stage are incorrect".
Trad. "Voci e speculazioni circa importanti nuove scoperte della missione in questa prima fase sono incorrette".

"At this point in the mission, the instruments on the rover have not detected any definitive evidence of Martian organics".
Trad. "A questo punto nella missione, gli strumenti del rover non hanno rilevato alcuna  prova definitiva della presenza di composti organici Marziani".

L'articolo originale è qui


Questa è quindi la posizione NASA al momento, e da una lettura attenta dell'articolo risulta chiara molta prudenza, del tutto onesta. 'Non vi sono ancora prove definitive' non significa a mio avviso 'non abbiamo trovato nulla'.

Aggiorniamoci quindi a Lunedì prossimo. Potremo seguire la conferenza in diretta TV, posterò un articolo per seguirla direttamente dal blog. L'ora di inizio è 9 am PT (Pacific Time), da noi saranno le 18.

Fonte dati, NASA.

10 commenti:

  1. scusa te mi ripeto in questo post... ragazzi, ma sbaglio o sulla terra c'è già un pezzo di roccia, un'asteroide che gli scienziati dicono provvenire da marte, pieno di batteri fossilizati??? Mi sa che la scoperta epocale è un'altra.... solito link preso a caso... http://www.gaus.it/ricerche/vita_su_marte.htm , magari han scoperto come mai marte è morto... questa è una scoperta epocale...e con la geologia, possono capirlo... almeno penso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul meteorite marziano ritrovato in antartide a cui ti riferisci la NASA diceva di aver trovato una specie di batterio fossile, altri dicevano che era troppo piccolo x essere un batterio. Mi pare che ci fosse stata una certa polemica perché la NASA giocò quella carta poco prima che al congresso USA fosse votato il finanziamento alla stessa NASA.

      Elimina
    2. Gianni guarda che quella scoperta altro non era se non semplici concrezioni calcaree!
      A quell'epoca la NASA diffuse quella notizia facendo incetta di tanti bei soldini dal Congresso americano!
      Salvo poi la correzione dopo ricevuti i fondi...
      REDPLANET

      Elimina
  2. Sergio.. concordo pienamente col tuo punto di vista.. Waiting for... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla "prudenza" avrei preferito la "pazienza"...

      Elimina
  3. Mi sembra che anche qui al laboratorio del Gran Sasso abbiano fatto lo stesso giochino superando la velocità della luce (poco prima della fine dei finanziamenti) per poi ritrattare a finanziamento avvenuto.

    RispondiElimina
  4. La domanda e'perche' Rotzinger ha parlato di scoperta epocale da scrivere sui libri di storia?
    Sicuramente anche i comp.organici su Marte sono da libro di storia ma non si capisce quanto l'enfasi corrisponda ai dati per ora sconosciuti.

    RispondiElimina
  5. In risposta a Gianni, il meteoritea marziano a cui ti riferisci e' l' Alh 84001.
    Scoperto in Antartide catturo' l'attenzione di
    David McKay scienziato della Nasa, il quale una volta sottoposto il reperto alla scansione
    di un microscopio elettronico, sembrava rivelare batteri fossilizzati anche se dimensioni infinitesimali rispetto a normali batteri terrestri.
    Nonostante i dubbi fu il presidente Clinton ad annunciare che vi era la possibilita' che il reperto testimoniasse la presenza di vita marziana in un passato remoto.
    Tuttavia un team di geologi ribalto' la tesi
    adducendo che si trattava di semplici concrezioni minerarie facilmente riproducibili anche in laboratorio.
    Altre analisi comunque non diedero risultati assolutamente certi visto che nessuno per ora ha potuto analizzare un batterio marziano per paragonarlo alle strane "concrezioni" del meteorite antartico.
    Tuttavia l'ipotesi di batteri marziani fu' accantonata, del resto il meteorite rimase in
    Antartide per un tempo estremamente lungo e quindi le ipotesi di contaminazioni biologiche terrestri non erano poi cosi campate in aria e la faccenda piano piano, nonostante l'enfasi trionfale dell'annuncio, piano piano affievoli, restando cmq non del tutto chiarita al di la di ogni dubbio, ne sulla sua vera origine biologica,ne certezze sul meccanismo di formazione di tali strutture rilevate alla scansione elettreonica, anche se l'unica certezza pare che sia estremamente improbabile che si tratti di batteri marziani.

    Daniele

    RispondiElimina
  6. io son attaccato da un ora ma ovviamente adesso che sono le 18 non vedo + niente... sigh....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dove lo posso vedere?

      Elimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.