Cerca in News Spazio

domenica 26 agosto 2012

Neil Armstrong 1930-2012, "Un piccolo passo per un uomo..."


NEWS SPAZIO :- Ho passato le ultime ore chiedendomi cosa poter scrivere per ricordare Neil Armstrong, il primo uomo a mettere piede sulla Luna nel Luglio del 1969, morto ieri per complicazioni cardiovascolari all'età di 82 anni.

Alla fine mi sono reso conto che non c'è bisogno di cercare parole per ricordarlo. La dimensione dell'impresa che ha compiuto è tale da splendere per sempre nella storia dell'umanità.

Ciascuno di noi già lo ricorda, da sempre e per sempre. Il suo nome è legato indissolubilmente ad uno degli eventi più grandi della storia contemporanea, una fonte inesauribile di entusiasmo e di ispirazione per generazioni, per tutti i grandi ed i piccoli sognatori che popolano il pianeta Terra.



Quella sera di Luglio avevo poco meno di 6 anni. Sdraiato sul tavolo in cucina c'era davanti a me una televisione in bianco e nero che trasmetteva delle immagini che giungevano... dalla Luna! Ogni bambino come me in quella sera avrà certamente sognato mille e mille cose come solamente i bambini sanno sognare.
Ecco, un'altra delle più grandi meraviglie della missione Apollo 11 è stata quella di catalizzare l'immaginazione, i sogni, accendere l'entusiasmo verso lo spazio per i decenni a venire.

In questo momento non importano i motivi politici, gli sforzi tecnologici che fecero sì che in quell'estate del 1969 tre uomini giungessero "là dove nessuno era mai giunto prima". Conta l'emozione, la commozione, la consapevolezza di ciò che l'essere umano poteva diventare, ed era diventato! Così piccoli e così grandi nello stesso tempo.

Non è possibile dimenticare il primo uomo che scoprì l'America, o il primo uomo che trovò il modo di fare il primo trapianto di cuore, o coloro che per primi scoprirono le leggi fondamentali della natura. Non è possibile dimenticare Neil Armstrong perché egli rappresenta il traguardo-più-alto-raggiunto dall'Homo Sapiens.


Quindi non abbiamo bisogno di spendere parole per ricordarlo, ma mai come adesso abbiamo bisogno di imitarlo. Come comunità Internazionale? Sì, con la collaborazione uniamo gli sforzi e raggiungeremo letteralmente le stelle.
Come Europa? Certamente, anche qui con un programma spaziale ambizioso che possa dare impulso anche all'economia del vecchio continente. Come Italia? Assolutamente, imparando a mandare lassù chi merita veramente, abbandonando lobby e giochi di potere. Come singoli? Un sì ancora più grande, affinché tutti noi possiamo renderci conto che il futuro è lassù.

Neil ci ha mostrato la strada. Io dico che adesso tocca a noi diventare come lui!

Ecco le sue parole, quel giorno sulla Luna


Qui sotto trovate raccolti alcuni post che ripercorrono quella fantastica impresa



Godspeed Neil!

Immagini, credit NASA.

34 commenti:

  1. Ciao Sergio, a me dispiace per Neil Armstrong ma, se l'uomo è veramente andato lassù non è per merito e per sua volonta ma per volontà di Dio e penso che il futuro non sia lassù in quel senso, forse mi hai capito. Non capitemi male, non voglio offendere nesuno ma ognuno pensa in modo diverso.Ciao a tutti. Manu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco il solito bigotto superstizioso del cavolo che crede che ogni cosa dell'uomo è merito di dio...allora anche le guerre e gli assassini????
      Armstrong era ateo eppure ha fatto ciò che ha fatto non certo per meriti soprannaturali!

      Elimina
    2. Ma cosa c'entra se era ateo?

      Elimina
    3. Ma cosa c'entra se era ateo?

      Elimina
  2. Vai...ecco il solito mistico di turno....
    MA VOLONTA' DI DIO COSA?!?!?! COSA GLIENE FREGA A DIO SE METTIAMO PIEDE SU UN ROCCIONE? Semmai dovrebbe interessargli di più se ci s'ammazza o meno... sempre che tutto questo abbia un senso, vero...

    Sergio abbi pazienza, io (che sono credente) non sopporto asserzioni di questo tipo. Tolgono ogni merito all'ingegno dell'Uomo... eccheccavolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere!
      Anche io sono credente, ma asserire certe cose!...
      Si sminuisce tutto il genio umano e si offende la memoria del Grande Neil Armstrong!
      Semmai che facesse finire tutte queste guerre che ci sono nel mondo.
      ...se l'uomo è veramente andato lassù... metti in dubbio?
      Marcello.

      Elimina
  3. Grande, grande, grande... punto.
    Se penso alla tecnologia del 1969 mi rendo conto del grande coraggio di questi tre uomini.
    Mi spiace che tutto questo sia inquinato dai dubbi di sempre.. ci sono andati davvero sulla Luna? Non è vero?
    L'uomo si prepara ad andare su Marte... figuriamoci se non è stato sulla Luna.
    Ritengo che il dubbio unico sia: di ciò che scoprono.. ci dicono tutto?
    Un abbraccio al popolo di NewsSpazio e un abbraccio ancora più grande per Neil.

    RispondiElimina
  4. Claudio Costerni26 agosto 2012 15:00

    Penso di fare cosa giusta e gradita.
    Ricopio i commenti del precedente argomento di ieri 25-08-2012 (Nuovi traguardi dei programmi NASA) che lì sono fuori argomento.
    Qui hanno la loro giusta collocazione e potrebbero svilupparsi senza disagio da off-topic:

    CC
    -------------------------------------
    Claudio Costerni 26 agosto 2012 02:28

    Tito Stagno ha detto che gli USA hanno rinunciato definitivamente a ritornare sulla Luna, glielo avrebbe detto Aldrin, compagno di volo di Amstrong e Collins nel 1969, sull'Apollo 11. 
Non lo sapevo. 
Qualcuno sa esattamente il perché? 

Mi chiedo se è una scelta obbligata dai tagli finanziari e dallo spostamento di interesse verso Marte, oppure se c'è dell'altro ed è una scelta obbligata da qualcunaltro...

Ha detto "definitivamente" non "per il momento"!
E secondo Aldrin ora sono interessati a Marte e Phobos.
    -------------------------------------
    Ciao84 26 agosto 2012 02:49

    Scusate se vado un pò off-topic ma....

LUTTO NEL MONDO DELLO SPAZIO - E' MORTO NEIL ARMSTRONG!!!

Sergio, questa si che è davvero una bruttissima notizia!
    -------------------------------------
    Ciao84 26 agosto 2012 02:50

    http://www.ilpost.it/2012/08/25/e-morto-neil-armstrong/
    -------------------------------------
    Neil Armstrong, morirà veramente solo quando l'ultimo uomo della nostra civiltà morirà, e se questo non dovesse essere, vorrà dire che sarà immortale!Non potrà mancarci perchè ci sarà sempre, il suo ricordo ci accompagnerà fino ai confini dell'universo...

By Simo
    -------------------------------------
    Claudio Costerni 26 agosto 2012 05:45

    E le sue impronte incise sul suolo della Luna sono ancora e lì resteranno probabilmente per migliaia o milioni di anni testimoni di una grande, straordinaria impresa, con un grande uomo assieme ad Aldrin, impresa però che oggi non si vuole più intraprendere. 

Sono fortunato di averle viste tutte quando ero bimbo.
    -------------------------------------
    Ale 26 agosto 2012 10:55

    ..Beh.. Armstrong aveva 82 anni.. per un uomo degli anni '30 è vissuto oltre le aspettative di vita di quel periodo.. è da considerare inoltre CHE COSA gli ha dato la vita.. come giustamente sottolineato da Claudio e Simo, gli è stato donato il privilegio di entrare nella storia, in modo straordinario.. colui che PER PRIMO nella storia dell'uomo ha messo piede su un altro corpo celeste!!! Ragazzi.. altro che immortalità!!!! E qui vi lascio con un argomento di riflessione, che, per non essere sempre off-topic,potrete fare nell'intimità dei vostri pensieri.. 
Pensate quanto sia diverso il destino delle nostre vite, deciso alla nascita per il luogo, la famiglia, il benessere in cui nasciamo.. deciso nel percorso di vita da malattie, scelte nostre e altrui, situazioni socio-politiche degli stati in cui viviamo, malattie ereditate dal patrimonio genetico o contratte involontariamente, incidenti di percorso legati al lavoro o alla casualità di tutti i giorni.. e poi infine la fine di tutto.. e c'è chi ha avuto tutto e chi rimarrà per sempre solo e unico interprete della sua vita e nient'altro.. e nessuno di noi l'ha volontariamente scelto!! Armstrong non penso si possa lamentare.. Ciao a tutti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa molto gradita.. Grazie! :-)

      Elimina
    2. Concordo
      By Simo

      Elimina
    3. Parole che fanno riflettere...grazie Claudio. A volte credo sia già tutto deciso, farò mie queste parole...grazie ancora.

      Angelo.

      Elimina
  5. Non hai capito cosa volevo dire con quel commento. E non sono il MISTICO di turno ok.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu (uomo o donna??).. io credo, aldilà del misticismo o dello scetticismo che sono due "aspetti" con cui l'umanità si pone nei confronti dell'esistenza di Dio, che il caro Padre dell'universo, al momento della creazione, abbia stabilito delle regole e leggi, che potranno essere poi aggirate o infrante oppure accettate come tali, ma poi basta.. il gioco scorre da solo, nel bene o nel male!!! Perchè poi.. cosa sono le nostre (come umanità intera..) vittorie o sconfitte, i nostri gesti più grandi o quelli più infimi.. nello scorrere dell'Universo?? ..nei confronti di tutte le civiltà, che nello spazio-tempo hanno vissuto fino ad ora SICURAMENTE nei miliardi di galassie che popolano l'universo?? Ci riteniamo NOI tanto speciali poi.. da addirittura essere privilegiati dalla guida PERSONALE di Dio?? IO CREDO e sottolineo IO, perchè è solo un mio "point of view", che tutti i piccoli passi fatti dall'umanità siano soltanto pietre miliari di un cammino (con momenti oscuri come quelli di Hiroshima e Nagasaki o Auschwitz) che porterà la nostra razza a consapevolezze maggiori e più grandi, come l'unità dei popoli, la sconfitta delle malattie, la conquista dello spazio.. e rientrando nel "Topic", il passo di Neil, che storia, fortuna, scienza e volontà hanno fatto si che avvenisse, rappresenta uno dei momenti più luminosi ed orgogliosi per tutti gli esseri umani.. per tutti.. perchè fu una conquista di tutti.. così come lo fu il vaccino Antipolio di Sabin, il quale non aspettò neanche un secondo, rinunciando a moltissimi soldi, pur di distribuirlo nel mondo affinchè miliardi di persone e sopratutto bambini venissero salvati da morte certa!!

      Elimina
  6. Dico a un amico: ieri è morto neil armstrong!e lui:...quello che ha vinto 7 tour di france...
    mi è rotolata la testa sul pavimento|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai ragione! In quanti (specie tra i "giovani") sanno veramente chi era Neil Armstrong?
      Che amarezza..
      Marcello.

      Elimina
    2. Ahahahah... micidiale!!! :-)))

      Elimina
  7. Claudio Costerni26 agosto 2012 15:20

    Dico, in aggiunta alla bella pennellata che ha fatto Ale sulla casualità della vita, che c’è qualcuno che afferma che in realtà noi, come spirito-anima immateriale ci scegliamo i genitori ed il percorso della nostra vita prima di nascere, ma dopo, “immersi” nel nostro nuovo corpo, nella materialità del nostro peso corporeo, non ne abbiamo più consapevolezza.
    Saremmo quindi interpreti consapevoli della nostra vita materiale già prima di nascere.

    RispondiElimina
  8. GRAZIE NEIL
    Giorgio

    RispondiElimina
  9. Ripubblico da:
    http://newsspazio.blogspot.it/2012/07/luna-43-anni-fa.html#more
    --------------------------


    Apollo 11 - 20 luglio 1969, "A small step for a man..."

    http://newsspazio.blogspot.com/2009/07/apollo-11-20-luglio-1969-small-step-for.html
    -------------------

    Alle ore 10:56 PM EDT (04:56 del 21 Luglio 1969 da noi in Italia) Neil Armstrong diventa il primo essere umano a posare il piede sulla Luna.


    Le sue storiche parole: "A small step for a man, one giant leap for mankind". Ecco l'audio
    http://www.nasa.gov/wav/62284main_onesmall2.wav


    Aldrin seguì Armstrong sul suolo lunare dopo circa quindici minuti.


    Dopo essere uscito dal LEM questi disse: "Ora voglio chiudere parzialmente il portellone, facendo attenzione a non restare chiuso fuori!".


    "Ottima idea!" rispose Armstrong.
    -----------------------

    Ho citato questo pezzo del post perchè, il simpatico dialogo che sdrammatizza la situazione mi ha divertito e le foto proposte, in particolare quelle dove ci sono inquadrati gli astronauti le ritengo ancora dopo tanti anni passati e tante foto scattate in giro nel sistema solare, quelle che... mi fanno più emozionare, sbalordire...inorgoglire...., significativa di per se, non ha bisogno di spiegazioni, per instillare in me eterna ammirazione per i coraggiosi eroi!
    Qua:
    http://4.bp.blogspot.com/_VgbOrdteh5w/SmRa8RoYSkI/AAAAAAAAB8Y/SklJxapbqGU/s400/GPN-2001-000013.jpg
    la foto tra quelle proposte che più mi appaga, noterete che non c'è nessuna bandiera...
    Alla mia generazione auguro di riuscire a vedere le foto di una nuova generazione di eroi, scattate su un 'altro pianeta con un'altra bandiera.. quella delle NAZIONI UNITE DELLA TERRA!
    Si ad oggi sembra utopia pura, un mondo unito, senza intolleranze, dove regna la pace ed il mutuo soccorso dove l'uomo è in armonia col pianeta e le altre specie, dove insieme proviamo a cambiare cercando di raggiungere un nuovo stato evolutivo, nel quale la ricerca della conoscenza del cosmo e la sua esplorazione, ci pone su un'altro piano esistenziale, permettendoci se ne avremo l'occasione, incontrando altri esploratori, di proporci VERAMENTE come ambasciatori pacifici del pianeta Terra!

    By Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sai Simo.. soltanto la certezza che su Marte ci sia vita, anche batterica.. bene.. da quel giorno, e spero che ne potremmo parlare fra noi, cambierà RADICALMENTE la nostra consapevolezza.. perchè non ci sentiremo più così speciali e anche questo avvicinerà ancor di più i popoli di questo mondo.. figurati poi cosa succederebbe se una civiltà extraterrestre decidesse di farci visità..

      Elimina
    2. http://www.youtube.com/watch?v=bWfHLEOEHEs

      David Bowie - Starman (sub ita)

      C'è un uomo delle stelle che aspetta in cielo
      vorrebbe venire ad incontrarci
      ma pensa che potrebbe impressionarci...
      guarda fuori dalla finestra, riesco a vedere la sua luce
      se facciamo dei segnali potrebbe atterrare stanotte....



      David Bowie - Starman (sub ita)

      http://www.youtube.com/watch?v=bWfHLEOEHEs

      By Simo


      Elimina
  10. R.I.P.
    Non sarà mai dimenticato.

    RispondiElimina
  11. Grazie x aver fatto quel piccolo passo a nome di tutta l'umanità.

    RispondiElimina
  12. Il primo uomo su un altro corpo celeste: più immortale di un faraone!

    Praticamente, in fatto di immortalità, ha fottuto proprio tutti, anche le generazioni future.

    RispondiElimina
  13. Anche il presidente Barack Obama ha ricordato Neil su Twitter:

    >>Neil Armstrong era un eroe non solo del suo tempo, ma di tutti i tempi. Grazie, Neil, per averci mostrato la potenza di un piccolo passo. -Bo>>

    By Simo

    RispondiElimina
  14. ---> DIRETTA RAI "HA TOCCATO!":
    www.youtube.com/watch?v=olffbgDk4SU&list=UUUzbShSa7weAaVgs_HGbLOA&index=2&feature=plcp


    ---> BIOGRAFIA DI ARMSTRONG:
    www.youtube.com/watch?v=r8TbisysFVc&list=UUUzbShSa7weAaVgs_HGbLOA&index=1&feature=plcp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che quella di Tito Stagno rimarrà alla storia come la gaffe più grande!
      In un momento così storico prendere una cantonata così!
      Tipicamente italiano!

      Elimina
  15. Io avevo 5 anni, e avevo ricevuto il permesso inedito di restare alzato nonostante l'ora tarda; quella sera a Bologna intorno a me mio padre (oggi 85 anni) mia madre (non c'é più) e il mio fratellino. La TV aveva un solo canale, RAI1, in b/n; i mobili erano tutti in stile-moderno anni 60. Mia madre continuava a pregare che quei ragazzi riuscissero a tornare; io chiedevo "perché si vede tutto così male"? E mia madre: perché trasmettono da molto lontano". :-) Addio Neil, ma addio anche a tutti coloro che c'erano, dai commentatori a coloro nel mondo che contribuirono a realizzare quell'impresa, ai miei cari scomparsi così come a tutti coloro che sono appartenuti a quel fantastico periodo. E' svanita un'era. Oggi la luna é lì, e chissà se un giorno ci ritorneremo.

    RispondiElimina
  16. Salutaci Gagarin, e tutti quelli che incontrerai lassù che come tè hanno ispirato le generazioni a venire. Conosco solo due espressioni nel viso di Armstrong; quando sorride e quando è concentrato. Grazie

    RispondiElimina
  17. Il primo uomo su Marte sarà (forse) l'unico ad aver una rilevanza storica simile a Neil Amstrong.
    Ma, a mio avviso, Neil rimarrà superiore perchè è stato il primo uomo a mettere piede su un corpo celeste diverso dalla Terra.

    RispondiElimina
  18. Dico a un amico: ieri è morto neil armstrong!e lui:...quello che ha vinto 7 tour di france...
    mi è rotolata la testa sul pavimento|

    ...la mia non era una battuta, è il livello culturale dell'italiano medio..
    purtroppo

    RispondiElimina
  19. ..il mio "micidiale" era infatti riferito al grado di ignoranza di chi ti ha risposto!!!
    La fredda ironia non lasciava scampo ad interpretazioni diverse dalla triste realtà..

    RispondiElimina
  20. ---> Video restaurato dalla NASA della storica passeggiata lunare:
    www.youtube.com/watch?v=DYFfJwcSkU4&list=FLUzbShSa7weAaVgs_HGbLOA&index=0&feature=plcp

    ---> Il coraggioso allunaggio di Armstrong nel pilotare a mano il LEM:
    www.youtube.com/watch?v=TI_1AbYzBy8&list=FLUzbShSa7weAaVgs_HGbLOA&index=2&feature=plcp

    RispondiElimina
  21. Sono nato nel 64..e i cinque anni hanno un ricordo speciale..come Tito Stagno,fantastico con quegli occhialoni:)

    Che struggente malinconia e passione ricordare che scesero "a mano" sulla Luna.
    Immagino che le percentuali di riuscita magari erano infime..ora la NASA ha molta più paura dei costi di avvocati per mandare qualcuno dopo 8 mesi su Marte che vero timore di fallire..:)

    Comunque..8 mesi in uno spazio piccolo sono tantissimi.

    Mica come starsene a casa ascoltando la radio..pensate solo come si diventa nevrotici dopo solo un giorno o due di acqua e inedia forzata,...non oso pensare cosa voglia dire starsene in un cubicolo senza privacy.

    Facile anche per noi no,dire perchè non si va su Marte?..ma ben pensandoci..è dura.
    Speriamo si sveglino nel testare motori nuovi e dimezzare o più i tempi di traversata..

    Cosi' come stiamo messi è come essere al tempo di Franklyn nel 1850 mentre cercava il passaggio di Nord Ovest sopra il Canada.

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.