Cerca in News Spazio

venerdì 8 giugno 2012

Danielson e Kalocsa, due crateri Marziani nella regione Arabia Terra e le fluttuazioni climatiche del Pianeta Rosso, by Mars Express!

(Immagine, credit ESA/DLR/FU Berlin G. Neukum)

NEWS SPAZIO :- Il 19 Giugno 2011 la sonda Europea Mars Express ha ripreso on la sua High-Resolution Stereo Camera alcune spettacolari immagini che forniscono nuovi indizi sulle variazioni climatiche periodiche avvenute su Marte dovute ai cambiamenti nel suo asse di rotazione.

La regione oggetto dell'analisi di Mars Express è Arabia Terra, in particolare i crateri Danielson e Kalocsa.



Qui sotto li vedete in una illustrazione panoramica che ne mostra il contesto

(Immagine, credit NASA MGS MOLA Science Team)

Danielson è quello più grande, a destra nella prima immagine in alto. Il suo diametro è di circa 60 Km. Kalocsa è invece l'altro, quello più piccolo con i suoi 33 Km di diametro, più basso di 1 Km rispetto al primo.

Come si vede chiaramente il cratere Danielson è pieno di strati di sedimenti fortemente erosi dal tempo. Interessanti al suo interno sono particolari alture, colline delle Yardangs scolpite nella roccia anche per azione del vento e particelle di sabbia che hanno eroso materiale più tenero.
Ve ne sono anche sulla Terra nelle regioni desertiche, in Nord Africa, Asia Centrale, Stati Uniti (Arizona).

Nel caso del cratere Marziano Danielson gli studiosi ritengono che tali sedimenti siano stati cementati dall'acqua, probabilmente da una antica riserva d'acqua sotterranea prima di venire erosi dal vento.

L'orientamento degli Yardangs ha portato gli scienziati a teorizzare che forti venti provenienti da nord-nordest abbiano prima depositato i sedimenti e poi causato la loro successiva erosione in un periodo più secco della storia Marziana.

Le dune più scure che si vedono attraversare il cratere si ritiene che si siano formate in  epoca più recente.

(Immagine, credit ESA/DLR/FU Berlin G. Neukum)

Il fondo del cratere Danielson mostra anche le evidenze di una serie di strati sedimentari alternati, con spessore e separazione uniformi. Alcuni scienziati ritengono che ciò stia a significare periodiche fluttuazioni nel clima di Marte, innescate da cambiamenti regolari nell'asse di rotazione del pianeta. I differenti strati si sarebbero quindi formati in differenti epoche.

Guardando all'altro cratere, Kalocsa, questo mostra una topografia completamente differente, senza strati di sedimenti, forse per la maggiore altitudine del suo fondo.

O forse perché quest'ultimo cratere è più recente rispetto al primo, creatosi quando ormai l'acqua non era più presente.

Ecco la mappa delle altitudini

(Immagine, credit ESA/DLR/FU Berlin G. Neukum)

e per ultimo i due crateri in 3D

(Immagine, credit ESA/DLR/FU Berlin G. Neukum)

Fonte dati, ESA.

46 commenti:

  1. Un aspetto negativo lampante per quanto riguarda la colonizzazione e terraformazione di Marte è la sua pericolosa predisposizione a venire intercettato dai vari meteoriti, asteroidi e comete, di qualunque diametro, massa e velocità .L'interessante illustrazione panoramica e la mappa delle altitudini della regione Arabia Terra proposte da Sergio ci dimostra tra l'altro come sia facilmente abbordabile la superficie,la quale ha crateri di tutte le misure, altitudini e profondità. Dai piccoli :-D crateri Danielson e Kalocsa agli (non visibili sulla mappa) apocalittici Bacino Borealis e il bacino Hellas :Diametro 2300Km profondità 7Km

    Marte ora ha una atmosfera rarefatta e questo giustificherebbe la facilità con la quale permette gli impatti.Presenta approssimativamente 43000 crateri d'impatto con un diametro superiore a 5 km , questo dato(Wikipedia) non saprei confutarlo, dalla cartina di Arabia è verosimile non trovate? Sembrano molti,anche troppi per i nostri piani futuri!
    Sorprendentemente l'influente gravità di Giove aiuta la Terra a non essere craterizzata ma non Marte.

    Questo ovviamente non deve in nessun modo essere un motivo per non spendere idee e risorse per Marte, che ha una particolarità ugualmente determinante ma in positivo, è geologicamente morto quindi non ci saranno terremoti^_^
    Cercando una bella foto di crateri ho trovato un affascinate video in hd, come diresti tu Ale..."da mozzare il fiato".
    Panorama Delle Stratificazioni Interne di un Antico Cratere:

    http://www.youtube.com/watch?v=TLuaKJEMXi8&feature=player_embedded

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dimenticato....By Simo!

      Elimina
  2. Perché la NASA continua a negare l'esistenza delle piramidi? E' EVIDENTE che siano lì insieme ad alberi, facce, etc e anche Sergio cospira per occultare la verità al popolo. Vogliamo sapere!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ah ma tu Livio scherzavi!!! eheheh.. menomale vah.. :-)

      Elimina
  3. ..Livio, tutto ci può essere su Marte tranne gli alberi!!! La spiegazione è nel commento che ho messo in "uno splendido pomeriggio su Marte" ..

    RispondiElimina
  4. Segnalo un interessante aggiornamento di Sergio sui possibili altri 3 siti x il rover Curiosity, in commenti del post: Uno splendido pomeriggio inoltrato su Marte, bellissima foto by Mars Rover Opportunity!

    http://newsspazio.blogspot.com/2012/05/uno-splendido-pomeriggio-inoltrato-su.html?showComment=1339276542278#c1743617300906939988

    By Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..quando chiedi una cosa a Sergio devi stare tranquillo.. non si dimentica mai di darti una risposta!!!.. basta aspettare un poco, del resto anche lui ha i suoi impegni, come tutti, da rispettare.. :-)

      Elimina
    2. In effetti ultimamente ho un periodo piuttosto denso in ufficio, cercherò però di accontentare tutte le vostre richieste :-)

      Elimina
    3. Grazie ancora Sergio, sei il nostro faro nella notte!

      By Simo

      Elimina
  5. Vado un pò OT: avete visto questi olandesi pazzi http://mars-one.com/en/
    che vogliono andare a colonizzare marte nel 2023, mandando coloni in pianta stabile? Chissà se hanno considerato le radiazioni cosmiche :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente i coloni saranno come i moduli gonfiabili... usa e getta..(#.#)

      BY Simo

      Elimina
    2. Anche se fosse credo ci sarebbe la fila x andarci io x primo!^_^ e voi??

      Sergio tu che potresti davvero ti sei mai domandato se...
      Andresti sapendo che hai i giorni contati?(a questa domanda non mi aspetto una risposta definitiva, ma solo un tuo Sergiopensiero, per conoscerti meglio).
      By Simo

      Elimina
  6. ..si ma con tutta la birra che bevono cosa vuoi che gli facciano due o tre radiazioni!!! :-)))

    RispondiElimina
  7. ..casualmente mi sono imbattuto in questa eclissi di sole parziale, forse l'avrete già vista, ma ne vale la pena.. credo.. http://www.youtube.com/watch?NR=1&feature=endscreen&v=8On0xqAk_6E

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..eclissi di sole su Marte!! Dal nostro inviato speciale Opportunity!!!

      Elimina
  8. Simo,
    la cosa è ovviamente complessa. Mi vengono in mente i coloni che lasciarono l'Europa per affrontare l'ignoto del vecchio West (non tantissimo tempo fa) e se ci pensi bene anche loro avevano un "biglietto di sola andata". Secondo me punto non è quest'ultimo quanto il come ci si va ed il cosa ci si va a fare.
    Ogni volontario potrà avere le proprie motivazioni per voler andare su Marte, ma certamente non per una missione suicida, "tanto per andare a morire su Marte". Io potrei pensare di "emigrare" su Marte, ma non per morire di radazioni, quanto per iniziare una nuova vita da "colono", in un nuovo mondo.
    Quindi quando la tecnologia potrà non solo trasportare esseri umani su Marte, ma anche sostenere la vita umana sul Pianeta Rosso allora vedrai che l'opzione di "sola andata" non sembrerà una provocazione. E quando l'umanità sarà in grado di fare tutto ciò ci scopriremo essere una forma di vita che ha appena compiuto un altro importante step evolutivo.
    A questo punto mi scappa un'altra domanda: ci arriveremo? L'unica risposta che mi viene im mente è SI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >>..Ogni volontario potrà avere le proprie motivazioni per voler andare su Marte, ma certamente non per una missione suicida, "tanto per andare a morire su Marte"..<

      Be certo che sarà cosi per quasi tutti, ma i primi no, sono sicuro che andremo su Marte appena la tecnologia sarà sufficiente a garantire un ..diciamo.. 40% di possibilità di riuscita , come per l'allunaggio! La percentuale ricordo di averla sentita in un documentario e veniva da un pezzo grosso della NASA!<

      Sembra poi che i privati come mars-one abbiano il piede sull'acceleratore, vedono un ( forse macabro) business con uno sguardo alla scienza e al progresso e con l'altro al profitto.
      Tu aneli la possibilità di una corsa dei privati allo spazio, ma sei sicuro che pur di arrivare per primi, questi non proporrebbero una partenza diciamo sicura non al 100%?
      E quale sarebbe la percentuale di sicurezza dei primi esploratori, eticamente accettabile... Apollo era un progetto nazionale dove il governo doveva anche fare i conti con l'opinione pubblica di un possibile fallimento, eppure con un misero 40%...
      I primi forse non saranno i primi, dobbiamo metterlo in conto, anche se partissimo con percentuali di sicurezza più alte!

      L'ignoto spazio profondo..(è anche un bellissimo docufilm di Herzog) il freddo.. spaventoso buio lungo un viaggio di 6 mesi, verso una nuova terra senza spiagge tropicali.
      Mars one la fa un po' troppo facile ed è ancora presto per provarci ma se trova i finanziamenti o riesce ad autofinanziarsi vendendo quote anche molto piccole del progetto..(io 10 euro li metto^_^) chissà, potresti essere uno dei candidati al quale chiederebbero signor Sergio le basta un 40 %?

      By Simo

      Elimina
    2. Io mi sono detto inizialmente che si tratta di pazzi scatenati. Poi ho capito guardando il filmato: "I think this might become the most spectacular media event ever, watched by everyone on the globe."
      "We will finance this mission by creating the biggest media event ever around it."
      "This is going to be a media spectacle. Big Brother will pale in comparison."
      In sostanza costoro creeranno un evento mediatico senza precedenti, raccoglieranno fondi dall'intero globo, finanzieranno le società spaziali private (anche SpaceX!!) e agenzie che si sono già affrettate a dar loro piena disponibilità, e con i soldi a palate potrebbero bruciare le tappe! Ecco il perché di una data di sbarco così vicina (2023). Le radiazioni? Al momento non sanno certamente che pesci pigliare, ma con i soldi in tasca una soluzione si trova!! Oppure alla meno peggio si fallisce con qualche miliardo al sicuro in tasca o messo da parte in qualche paradiso fiscale.

      Elimina
    3. Aggiungo che io non sono così romantico come voialtri :-), e pur essendo appassionato, "col cavolo" che ci andrei. Vivere su marte dove l'aria é rarefattissima, il gelo é polare, spirano venti che ti portano via, la gravità é bassa e ti genera problemi degenerativi, é tutto in penombra... é molto peggio che vivere in una cantina per tutta la vita, altro che panorami marziani!! Inoltre basta un solo incidente alle strutture per resettare la vita della colonia, anche sulla ISS abbiamo avuto più di un caso critico. Sarebbe molto più semplice e praticabile colonizzare una caverna della Luna. Diverso sarebbe costruire delle cupole trasparenti o delle città con finestre su marte come in "Atto di forza", e mega-serre piene di vegetali, ma ci riusciranno mai quei coloni una volta scemata l'attenzione mediatica dalla terra??

      Elimina
    4. Voglio buttala li...e se domani un grande mecenate(mi piace questo termine anacronistico rende bene l'idea) avesse un sogno e investisse tutto il suo potere politico economico per raggiungere l'obbiettivo Marte x primo..?
      Diciamo il 2° in classifica più ricco; Bill(filantropo?) 53 miliardi di dollari di patrimonio personale, quanto ci metterebbe a risolvere il problema radiazioni?
      Ecco la domanda delle domande... è solo un problema economico? se si ditemi dove devo firmare, eccovi i miei 10 euro^_^!

      By Simo

      Elimina
  9. ..comunque se andiamo su Marte e siamo un bel pò io porto il pallone.. volete mettere una partitella a calcetto con gravità ridotta e atmosfera rarefatta? ..oh poi se preferite il tennis non ci sono problemi.. la terra rossa c'è già!! :-)

    RispondiElimina
  10. Se riescono a costruire una biosfera completamente autonoma sarà un grande passo per l'Umanità molto più che Colonizzare Marte

    RispondiElimina
  11. Livio11 giugno 2012 23:33
    >> Vivere su marte dove l'aria é rarefattissima, il gelo é polare, spirano venti che ti portano via, la gravità é bassa e ti genera problemi degenerativi, é tutto in penombra... >>

    Ma Livio permettimi, ma stai mentendo a te stesso! Andare nello spazio è dannatamente pericoloso, solo gli impavidi ne sono degni e tu ti nascondi dietro un dito?
    L'aria è rarefatta , ma non devi respirarla, una volta trovata l'acqua tramite elettrolisi la scindi a quel punto avrai ossigeno e idrogeno a volontà;
    il gelo è polare, ma il riscaldamento c'è sia nelle zone abitative grazie all'energia prodotta dai pannelli solari, sia quando stai passeggiando tranquillamente protetto dalla SWAT (Suit Walking adjustable thermostat);
    ma la mamma non ti ha detto di non uscire in caso di forte vento?
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=95tmYmeHf84

    La gravita bassa ti aiuta nello spostare i mobili del loculo, peseranno 2,65 volte in meno rispetto ai mobili terrestri e poi vuoi che una palestra tipo ISS con piscina gonfiabile non ci sia?
    Ma quello che mi ha fatto più male.. è saperti ombrafobico.. con tutta l'irradiazione che c'è non dovresti soffrirne lassù!
    A si, sembra che l'incidente sia il punto forte della tua teoria "ragassi, ma siam passi?", secondo me un incidente al giorno le va la noia di torno!!
    Rifletti, chissà se riuscirai a "vedere la luce" dietro il dito!!!


    (^__^ )By Simo(*__*)

    RispondiElimina
  12. ..voglio essere provocatore!!! Perchè questi olandesi non si prodigano a cercare soldi per trovare una cura al cancro anzichè pensare a cose al momento non realizzabili?? Che posino un'attimo il boccale e siano un'attimino più sobri, costruttivi e realisti.. almeno nei propositi!! Poi con i soldi non si trovano soluzioni a tutto, sopratutto a cosa non si sa come affrontare!!

    RispondiElimina
  13. Ecco un'altra bella provocazione, perché chiedi agli Olandesi di trovare soldi per una cura al cancro? Perché non cerchi te i soldi per una cura al cancro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..io sono socio dell'AIRC.. lo sai cosa è?? ..e gli dò i soldi ogni anno!! diventa socio pure tu, farai una cosa positiva nella vita!!

      Elimina
    2. ..e un altra cosa positiva è firmare i propri commenti!!

      Elimina
  14. Caro Simo, se ci tieni tanto io qui ho uno sgabuzzino e ti ci posso chiudere dentro per tutta la vita :-)) - Io non ho mai detto di voler fare l'astronauta-pioniere per tutta la vita; qualche giorno o mese si, ma poi basta, ho bisogno del mio prato verde dove correre con il mio cagnone, senza tute da astronauta addosso e schermi anti-radiazioni. Vai avanti tu a colonizzare, poi raccontami.
    In quanto alle ricerche sul cancro, forse può anche essere utile all'umanità la ricaduta tecnologica conseguente che si ha nel progettare una missione siffatta; ad esempio le radiazioni generano tumori, e il sconfiggerne i relativi effetti può significare anche comprendere a fondo i meccanismi degenerativi delle cellule, e mettere a punto innovativi strumenti medici. La scienza é come un puzzle multidimensionale, deve avanzare in modo complementare e ramificato in tutti i settori, altrimenti dopo un pò si arresta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..si sono daccordo con te, Livio, bravo! :-))

      Elimina
    2. ..si sono d'accordo con te, Livio bravo,
      ma per quanto mi riguarda, non intendo andare su Marte chiuso in una fredda capsula spaziale, ma in una confortevole astronavicella (suona anche meglio di capsula o sgabuzzino non trovate?).
      Ecco per farti capire cosa intendo:
      http://multimedia.esa.int/Videos/2011/05/Mars-500-one-year-inside

      Il fatto che in questo ambiente e con queste procedure ci hanno fatto un serissimo studio, dimostra che L'arredo e le risorse ritenute adeguate, saranno più o meno quelle e ...niente male, cosa ne dici se poi ci metti 2 coppie affiatate...
      A proposito si potrà fare sesso sulla Stazione Spaziale?Comunque vietarlo sui lunghi viaggi sarebbe a mio avviso inutile^_^, troppo tempo a disposizione ... ci si annoia!

      Si è vero, tu , Sergio e probabilmente la maggior parte del genere umano non sareste disposti a rischiare tutto con poche garanzie di successo, ma la storia ne è piena di persone straordinarie che
      hanno osato sfidare l'ignoto mettendo in gioco ...tutto..!
      Succede spesso che nello spazio si facciano cose per la prima volta, è questo ambiente cosi alieno che ci mette quasi sempre alla prova chiedendoci spesso di superare i nostri limiti tecnologici , biologici e psicologici...

      Imprese straordinarie richiedono doti umane straordinarie, ciò nonostante, se chiedessero dei volontari sono sicuro che ne troverebbero moltissimi sopratutto nel mondo accademico dove gli esempi in passato di abnegazione in nome della scienza non mancano!

      By Simo

      Elimina
  15. Quanti Bravo bravo... grazie, grazie!! Relativamente agli uomini straordinari, lasciami distinguere tra Armstrong / Aldrin / etc che rischiarono la vita ma poi tornarono a casa, dove furono coperti di gloria di soldi e di donne, e altri uomini straordinari che vogliano destinare il resto della propria esistenza a uno sgabuzzino posto su di un mondo ostile. Mars 500 é stato un buon esperimento, comunque limitato a soli 500 giorni, eseguito con soggetti giovani in ottima forma fisica. Biosfera 2 é fallita miseramente. Che accadrebbe in una base marziana dopo 10 anni di convivenza, in caso di problemi medici che richiedono operazioni chirurgiche tipo tonsille o un semplice by-pass cardiaco, con persone anziane, con conflitti sulla stazione simili a Pitcairn o in una situazione davvero critica di default tecnico?

    RispondiElimina
  16. Insomma mi piacerebbe vedere un progetto di costruzione di una città marziana autosufficiente, con cupole, generatori, terraformazione che attualmente é impossibile per via dell'assenza di campo magnetico... mars-one secondo me é molto riduttivo e pubblicitario.

    RispondiElimina
  17. ..intanto cerchiamo di trovare un propellente che ci consenta di "volare" fino a Marte in tre o quattro giorni.. poi potremo pensare di costruirci qualcosa.. perchè solo per costruire servono uomini, materiali e mezzi di trasporto veloci e sicuri!! Secondo me siamo MOLTO lontani da tutto ciò.. anche se pensare di volerlo fare è già un timido piccolo passo verso la realizzazione di questa impresa..

    RispondiElimina
  18. Innanzitutto vorrei chiarire che su Marte ci andranno un'elite di astronauti, e non vecchi burberi con problemi cardiovascolari... avranno requisiti psicofisici che dovranno necessariamente tener conto della specifica missione , i tempi di permanenza "sull'avamposto" marziano saranno relativi anche al mantenimento di tutte quelle condizioni preventivate come necessarie al mantenimento permanente di una struttura scientifica abitata.

    Vorrei confutare le tue argomentazioni Livio, sottolineando come la nostra futura IMS [International Mars Station (?_?)] avrà le risorse di un pianeta a disposizione , sappiamo cosi poco ancora di Marte, ma già è appurato che c'è acqua sotto forma di ghiaccio, questa fondamentale risorsa unita a i vari minerali conosciuti e ancora da scoprire, atmosfera e gravità seppur ridotta, fa Marte a mio avviso, preferibile alla Luna!

    Come fate notare, sono ancora tante le tecnologie da testare o ancora nella fase embrionale che servirebbero a rendere meno problematica la grande avventura,
    per esempio un motore a propulsione nucleare è allo studio da diverso tempo...
    Proposto da Sergio il post:
    GIOVEDÌ 30 GIUGNO 2011
    Un motore spaziale a fusione nucleare? Laser, Boro ed i progetti NASA,

    John J. Chapman è un fisico ed ingegnere elettronico del NASA Langley Research Center (Virginia). Con adeguati finanziamenti e una collaborazione internazionale secondo lui in 10 anni potrebbe realizzarsi l'ambizioso progetto!
    Per quei pochi che non andranno a ri-leggerlo;
    tra i numerosi commenti mi piace ricordare Astorre-Giorgio “Per l'esattezza..alla MINIMA distanza Terra-Marte (sotto i 90 milioni di chilometri) alla spinta di 100km/s basterebbero 11 giorni a farla grande.. per raggiungere Marte” niente male Ale, cosa ne dici! Continua...

    By Simo

    RispondiElimina
  19. ...vorrei poi sottolineare che secondo me i tempi sono maturi per impegnarci in un progetto cosi importante per noi tutti e per le generazioni future, le quali si troveranno una terra depauperata e affollata!
    Le similitudini con il progetto Apollo sono tante, penso che basterebbe una forte mobilitazione internazionale per poter superare i molti ostacoli e in 10-15 anni iniziare a mandare i primi moduli abitativi, le varie risorse necessarie e come per la ISS mandare i primi eroici astronauti, dopo di che si amplieranno le zone abitative e manderemo i primi laboratori scientifici !Dopo i primi report sapremo cosa mandare con priorità!
    Ovviamente Livio è alla nostra portata dotare i terramarziani(suona bene no?!?) di un modulo di ascesa che si unirà alla astronavicella che li ha portati per fare il viaggio di ritorno in caso di un problema irrisolvibile che metterebbe a rischio la vita dei nostri eroi!
    Comunque immagino che tra i primi ad ammartare ci sarà un doctor tuttofare con decine di lauree compreso esobiologia che mi auguro sia di grande utilità^_^!

    By Simo

    RispondiElimina
  20. Sergio volevo ricordarti che oggi 16 giugno partirà il vettore Lunga Marcia 2F sulla cui sommità si troverebbe la capsula Shenzhou-9, che attraccherà al laboratorio orbitante Tiangong-1.
    Livio, partirà anche la prima donna taikonauta cinese ecco i requisiti per riuscire nell'impresa....?_?

    NESSUN PROBLEMA DI SALUTE. I requisiti per poter volare nello spazio sono tanti, e chi desidera prendere parte alla spedizione non deve avere problemi di salute. Secondo quanto ha scritto il China Daily, per esempio, carie o cicatrici sono tutte valide ragioni per escludere un potenziale partecipante. E «coloro che a cui cola spesso il naso o che soffrono di mal di gola cronici dovranno rimanere sulla Terra».

    Il controllo coinvolge tutti, senza escludere i parenti. «Le loro famiglie devono essere sane da un punto di vista medico per quanto riguarda malattie infettive come l’epatite», ha detto Xu Xianrong, direttore della clinica per la medicina spaziale dell’esercito di liberazione popolare di Pechino.

    RICHIESTE CONDIZIONI PERFETTE. Xu ha anche affermato che le condizioni degli astronauti «devono essere migliori di quelle dei piloti da combattimento»: «Gli astronauti non possono soffrire di aritmia, un problema del battito cardiaco che può facilmente presentarsi nello spazio, al contrario delle condizioni nelle quali si trovano i piloti da combattimento».
    Perfino i cattivi odori e l'alitosi sono vietati.

    DEVONO AVER GIÀ AVUTO UN FIGLIO. Una richiesta tutta cinese è quella di aver già avuto un figlio. Secondo quanto raccontato dai media locali, infatti, le candidate «devono essere sposate e preferibilmente madri. Questo è dovuto alla preoccupazione che il viaggio spaziale e la possibile esposizione a radiazioni possano danneggiare la loro fertilità».
    Ecco le foto delle fortunate selezionate per il posto sulla capsula( lo diranno solo all'ultimo chi sarà!), il maggiore Liu Yang :

    http://t3.gstatic.com/imagesq=tbn:ANd9GcQ3AvEF90k9kqNcYpzc148m0qmXOTYW3raqWC1zHAF5uV-2TzrOOCbHVT4e

    l'altra selezionata il capitano Wang Yaping :

    http://www.picgroup.it/wordpress/wp-content/uploads/2010/11/11.21.10-Wang-Yaping.jpg

    niente male il capitano(ci piace)

    By Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sai Simo.. quando lessi l'articolo sul motore a fusione dissi "ah menomale.. qualcuno che inizia a muovere il cervello in una direzione nuova e giusta!!" poi.. pensando alla velocità che si raggiungerebbe mi sono posto un altro problema che mi ha un tantino raffreddato e credo farà inevitabilmente altrettanto ai progettisti della nave che sarà dotata di tale motore.. se non ricordo male tu sei, come me un fan di Star Trek.. bene.. cosa ha l'Enterprise per risolvere il problema di eventuali rischi di impatti con possibili micrometeoriti, che anche a velocità di impulso(n.d.r.. i motori a impulso sono a fusione nucleare :-))potrebbero provocare ingenti danni alla nave?? Lo sai.. i deflettori di navigazione.. Cosa installiamo a bordo della nostra nave per evitare che a 100km/s o più spero.. un'impatto imprevisto ci apra la nave come una scatola di sgombri?? Al momento credo non ci sia soluzione tecnica.. comunque il motore a fusione sarebbe una grande novità.. del resto la fusione nucleare, sia essa fredda o calda, è il futuro pulito per la nostra produzione di energia.. credo infatti che senza aspettare tanto (200 anni circa) rimarremo senza combustibili fossili e la fissione come avrai visto non è la giusta via..

      Elimina
    2. Ho diverse idee ma poco tempo, scriverò nei prossimi giorni...

      By Simo

      Elimina
    3. Concordo sulla fusione, in ambito civile come nella ricerca. Per quanto riguarda i micrometeoriti Secondo quanto riportato dal sito nasaspaceflight, la finestra numero 2 del modulo Cupola dell’ISS è stata colpita da un piccolo oggetto.
      L’impatto è stato scoperto il giorno 10 giugno e da allora la finestra è rimasta chiusa per sicurezza, mentre i tecnici esaminano le immagini del danno trasmesse a terra dalla stazione spaziale.
      Sebbene la prudenza sia d’obbligo, è verosimile che l’entità dell’accaduto non sia in realtà tale da presentare alcuna minaccia alla sicurezza del complesso orbitale o del suo equipaggio.

      L’urto con un micrometeorite o un oggetto orbitale (MMOD) è un evento assai probabile; le finestre di Cupola, come il resto della stazione, sono progettate per assorbire l’impatto senza danni.
      Le finestre sono composte da 4 pannelli: uno, interno, che protegge da urti accidentali e graffi, poi due pannelli pressurizzanti, dello spessore di 25 millimetri cadauno, e per ultimo uno strato esterno a protezione dai MMOD.
      Quest’ultimo può essere rimpiazzato individualmente in ciascuna finestra, tramite un’EVA. Se poi il danno dovesse riguardare anche gli elementi sottostanti, è prevista una procedura per sostituire l’intera finestra: verrebbe inviato da terra un elemento coprente da applicarsi dall’esterno (sempre con EVA, evidentemente), per garantire la tenuta stagna dell’ambiente e procedere poi alla sostituzione della finestra dallinterno.

      Questo dimostra che nonostante la velocità della stazione 27.724 km all'ora e quella ignota del frammento, che la struttura ha resistito e non ci sono stati gravi conseguenze!Non è un problema che non sappiamo come affrontare... la velocità aumenta?... aumentiamo lo spessore degli strati di rivestimento dello scafo, tra l'altro le scienze dei materiali-nano e bio è uno dei filoni della ricerca che porta più innovazione e brevetti, quindi sono sicuro che almeno questo problema possiamo risolverlo senza l'aiuto di Scotty!
      Eccoti un bel regalino:

      http://www.astronautinews.it/wp-content/gallery/spacehumor/30%20EXP26-27%20-%20Star%20Trek.jpg

      By Simo

      Elimina
  21. [Livio, partirà anche la prima donna taikonauta cinese ecco i requisiti per riuscire nell'impresa....?_?] Una donna nello spazio? ottimo, non vedo l'ora!!! :-)

    Vorrei dirvi che io non sono ottimista quanto voi circa la colonizzazione di marte; vedo molti problemi molto complicati tra cui:
    - fascia degli asteroidi tra la terra e Marte (più acceleri una nave spaziale per raggiungere marte e peggio é);
    - radiazioni cosmiche ad alta energia; pensate che molti astronauti apollo hanno avuto problemi agli occhi per via di queste radiazioni, e sono stati nello spazio solo per pochi giorni;
    - gravità su marte 1/3 quella terrestre e questo vuol dire osteoporosi e malattie degenerative a meno che non si faccia continuamente ginnastica; ma che ginnastica può fare uno che deve già lavorare per sopravvivere?
    - instabilità sociopolitica dei governi umani; alla lunga cui una colonia su marte potrebbe ritrovarsi con i rifornimenti tagliati;
    - densità dell'aria di 1/140 il che vuol dire che su marte, fuori dalla porta, c'é quasi il vuoto assoluto;
    - dipendenza totale per troppi anni dei coloni dalla terra; per essere completamente autosufficienti i marziani abbisognerebbero di strutture collaudate e durature, e tecnologie che forse non esistono ancora.

    Insomma, un conto é leggere Ray Bradbury, un conto é la realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei farti notare che la fascia degli asteroidi è tra Marte e Giove quindi non ci è di intralcio.

      Marte ha un’atmosfera molto attiva, soprattutto per quanto riguarda le formazioni nuvolose e nebbie, non solo tempeste di sabbia causate da forti venti!Oltre la CO2 allo stato gassoso ci sono i depositi di ghiaccio stagionali, sono uno dei processi meteorologici marziani, possono raggiungere 1 metro di spessore e quando la temperatura sale sublimano in forma vapore acqueo e gas. Sono composti principalmente da biossido di carbonio, e quantità minori di altri gas, di acqua e polveri!
      Intrappolato al disotto del permafrost permanente, che funge da copertura impermeabile si può trovare anche in grande quantità gas metano, accumulatosi nel corso dei millenni , potrebbe imprigionare come succede sulla terra metano e altri gas di origine abiotico o biotico(organici)!

      Ciò che sostengo è che la densità dell'aria che è il rapporto tra massa d'aria e volume occupato e non la pressione atmosferica che è limitata dal fatto di non avere una magnetosfera, potrebbe in futuro, aumentare, alzando artificiosamente la temperatura, liberando cosi facilmente grandi riserve di gas aumentandone la densità!
      In questo articolo si constata come spesso quando si misura la pressione atmosferica non si tiene conto del fatto che su Marte c'è 1\3 della gravita terreste e questo influisce enormemente sull'atmosfera,sul suolo e i loro ipotizzabili (ancora per poco Curiosity sta arrivando) scenari:

      http://www.marcodesalvo.it/2443-atmosfera-marziana-pressione-o-densita/

      Sappiamo molto poco di quello che c'è oltre la nostra stratosfera, energie di una violenza inaudita pervadono l'universo, modificando irrimediabilmente ciò che incontrano, ma non dobbiamo temere ciò che non conosciamo. Studiare direttamente i vari eventi, ci aiuta a capirli meglio, più in fretta, e a non temerli! Credo che il solo modo di fare grandi passi in avanti nella conoscenza è affrontare l'ignoto provando a dominarlo, come successe ai grandi esploratori, scienziati dell'ignoto nel passato. Anche oggi, nei piccoli laboratori universitari come nei grandi centri di ricerca come il CERN o sulla ISS, come su una navicella in rotta di collisione di micrometeoriti, radiazioni di ogni... cerchiamo delle risposte, cerchiamo di dominare ciò che ci circonda!

      Questo per dire che le tue argomentazioni e quelle di Ale sono per la maggior parte condivisibili ma ciò che ci sembra al momento difficile da dominare domani sarà al nostro servizio, la conoscenza potrebbe permetterci di usare queste radiazioni cosmiche ad alta energia a nostro vantaggio per esempio studiandole potremmo saperne di più sulla materia oscura... oppure le useremo per abbronzarci al posto delle cancerogene radiazioni uv !^_^!

      By Simo

      Elimina
  22. http://www.youtube.com/watch?v=VMkCi8D_plQ&feature=related

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conoscevo, ma ora che l'ho visto,sono più convinto di prima, un avamposto marziano oltre che possibile è preferibile ad uno lunare! Grazie Livio!

      By Simo

      Elimina
  23. Per chiunque Ami lo Spazio è un MUST da leggere ASSOLUTAMENTE! (io ho divorato TUTTO da Asimov a Carter,Pournelle,Heinlein

    "Limit" Frank schatzing

    E..sull'energia a fusione "ecologica" o comunque infinita..leggere Limit mi ha dato da pensare.
    Le conseguenze sono PESANTISSIME per l'Umanità cosi' come è configurata la sua Economia-dipendente dal Petrolio.

    Io a volte..temo che abbiamo imboccato una strettoia..sospesa sul vuoto.E avanziamo bendati guidati da ciechi (politici) e senza l'udito..

    RispondiElimina
  24. Ti ringrazio per la segnalazione, lo matterò tra i candidati, insieme ad un racconto del '62 di Edmond Hamilton dal titolo "Requiem" proposto da Ale in un commento nel post: Stupendo filmato in timelapse della Luna che sorge dalla Terra ripreso dalla Stazione Spaziale Internazionale
    (http://newsspazio.blogspot.it/2012/06/stupendo-filmato-in-timelapse-della.html#comment-form)

    A differenza di te vedo, forse perchè guardo in quella direzione, che ci sono molti motivi per essere positivi! Molti esempi di una presa di coscienza da parte degli amministratori della cosa pubblica( ancora pochi) e tra la gente, di ogni estrazione sociale, che il nostro pianeta va salvaguardato, preservarlo in tutti i modi possibili , utilizzando le energie rinnovabili e sviluppando nuovi progetti per una energia nuova e pulita come la fusione!
    La rivoluzione verde è già cominciata...

    By Simo

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.