Cerca in News Spazio

giovedì 30 settembre 2010

Il polo Sud Lunare nelle splendide immagini ad altissima risoluzione della sonda NASA LRO


NEWS SPAZIO Si parla sempre più spesso della regione del polo Sud Lunare. In questo blog sono state riportate le più recenti ed importantissime scoperte delle varie sonde automatiche che riguardano proprio il Polo Sud della nostra Luna.
Una tra tutte è proprio la missione NASA LCROSS dello scorso anno e le sue incredibili conclusioni che hanno dimostrato la presenza di ingenti quantità di acqua in forma ghiacciata nei crateri sempre in ombra di tale regione. Oppure potremo pensare a questa scoperta ad opera della sonda NASA LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter), o ai dati rilevati dalla missione lunare indiana Chandrayaan-1 (eccoli).

Nessuna novità quindi se quest'area è di notevole interesse anche per le prossime missioni di esplorazione, robotiche ed umane. La presenza di acqua è risorsa fondamentale sia per la fattibilità di insediamenti umani che per lo studio del nostro Sistema Solare.

Inoltre, sempre nel Polo Sud lunare, vi sono alcuni picchi montuosi che risultano essere illuminati dalla luce solare per estesi periodi di tempo, costituendo di fatto punti privilegiati per la produzione di energia elettrica per insediamenti permanenti.

Proprio per pianificare tali missioni è fondamentale avere a disposizione mappature geografiche il più possibile precise.

La protagonista è ancora la sonda LRO, che dai suoi 50 Km di altitudine orbitale passa sopra il polo lunare ogni due ore. La sua LROC WAC (LRO Camera Wide Angle Camera) non si fa certo scappare l'occasione ed in capo ad un mese ecco prodotta una copertura dell'intera regione polare (latitudine da -80° a -90°).

Le foto che vedete in questo post sono un mosaico di 288 immagini singole riprese (per l'appunto) in un mese (risoluzione 100 m /pixel). L'immagine qui sotto riporta anche i nome dei vari crateri. Viene indicato con una 'X' anche il punto di impatto di LCROSS.


Andate al seguente url per esplorare e zoomare direttamente dal sito di LROC


Immagini, credit NASA/GSFC/Arizona State University.

Fonte dati, LROC.

5 commenti:

  1. Sono una cosa fantastica.
    Manchiamo solo noi lassù.

    RispondiElimina
  2. Già.ma tanto a cosa serve dirlo?

    RispondiElimina
  3. Tra 200/300 anni che saremo concime (o quantici) pensa che bello quando troveranno sul 386 impolverato di Sergio i post del blog, dove leggono queste battute scritte con questa tecnologia preistorica e magari ci sono già i balzi in iperspazio.
    Almeno i sogni...

    RispondiElimina
  4. Almeno i sogni ci possono far sognare e credere in un futuro possibile di armonia,e se non proprio di Utopica pace almeno di una Società Umana che riesca a condividere la reale necessità di CONVIVERE con lo Spazio e tutte le sue forme di Vita che prima o POI scopriremo o verremo scoperti da.

    Certo che se sto PASSO benedetto sulla Luna più vicina a noi non lo facciamo mai..mi vien da ridere Yatsu.
    la LUNA è qui a un tiro di schioppo e che si fa?si continua a spedire sonde al ritmo di una all'anno per vedere..e vedere...e vedere se veramente ci convenga o meno andarci.
    ma beneddetti politici ma si renderanno conto che è l'UNICA VERA possibilità che rimane all'Umanità?

    Anacronistici neanderthaliani con in mano il joystick del potere e la totale incapacità conoscitiva di COSA cè da FARE per avanzare.

    Amen.:D

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.