Cerca in News Spazio

martedì 6 luglio 2010

La prima mappa del nostro Universo primordiale prodotta dal telescopio europeo Planck, by ESA!


NEWS SPAZIO :- Ricordate la sonda europea Planck? Lanciata nel Maggio 2009, in orbita intorno al punto Lagrangiano L2 a partire dal Luglio 2009 ha completato una prima mappatura di tutto il cielo dopo circa un anno di osservazione.

Planck è la prima missione europea dedicata allo studio della Cosmic Microwave Background Radiation (CMBR), la radiazione cosmica di fondo che permea tutto l'Universo nella regione delle microonde. E' la debole traccia che resta del Big Bang, ciò che si ritiene essere l'inizio del nostro Universo.

Andate a leggere questi precedenti articoli:


e più in generale alla sezione 'Planck' del blog.

Le spettacolari immagini composite che vedete in questo post riportano appunto i risultati di questa prima scansione i cui dati in multifrequenza, dai 30 agli 857 GHz dello spettro elettromagnetico, sono stati registrati da Planck tra l'Agosto 2009 ed il Giugno 2010. Qui sotto sono evidenziati alcuni dettagli.


La banda centrale è il piano della nostra Galassia e gran parte dell'immagine è dominata dall'emissione diffusa dei suoi gas e polvere. In sostanza da qui è possibile vedere il presente del nostro Universo.
Per andare alle sue origini occorre individuare la radiazione cosmica di fondo, visibile nelle zone in alto ed in basso dell'immagine. E' il cuore della missione di Planck. Le variazioni di colore indicano le sottilissime differenze nella sua trama, le piccole irregolarità nella sua densità che hanno originato regioni di spazio con maggior densità, da cui poi hanno avuto origine le galassie odierne.

La CMBR è presente in tutto il cielo, ma la sua maggior parte è nascosta in quest'immagine dalle emissioni della nostra Galassia, emissioni che saranno eliminate digitalmente dai dati finali di Planck per riuscire a vedere la radiazione cosmica di fondo nella sua interezza e con la migliore risoluzione di sempre.

A quel punto sarà compito degli studiosi capire se i dati mostreranno la firma cosmica di un particolare periodo seguente al Big Bang, la cui stessa esistenza è per adesso solamente un'ipotesi. Si tratta dell'"Inflazione", un brevissimo periodo - estremamente breve - di tempo in cui avrebbe avuto luogo una enorme espansione dell'universo di allora.

Nel frattempo Planck continua a mappare l'Universo. La sua missione terminerà nel 2012 e per allora la sonda europea avrà terminato quattro scansioni complete del cielo.

La prima pubblicazione completa dei dati di CMBR è quindi in programma per il 2012.

Immagini, credit ESA/ LFI & HFI Consortia.

Fonte dati, ESA.

5 commenti:

  1. incredibile!!molto meglio della scansione effettuata precedentemente dalla sonda WMAP!! sono sicuro che i dati di Plank saranno decisivi per conoscere le origini dell'universo

    RispondiElimina
  2. a proposito...non si scrive "Planck"??

    RispondiElimina
  3. oops... correggo subito!
    grazie

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Ragazzi, potete scrivere quello che volete, ma mantenete civiltà e rispetto, OK?

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.