Cerca in News Spazio

Caricamento in corso...

martedì 2 febbraio 2010

I primi fondi NASA ai privati per l°inizio dello sviluppo dei Crew Transportation Concepts per l°esplorazione spaziale umana

(Immagine, fonte NASA)

NEWS SPAZIO :- Ecco un altro po' di informazioni provenienti dalla NASA che rispecchiano il nuovo corso della Casa Bianca in ambito spaziale.

La NASA ha assegnato 50 milioni di dollari per favorire le capacità del settore commerciale (leggi industrie private) di realizzare trasporti spaziali da e per l'orbita terrestre. Questo è il primo step intrapreso dalla NASA in accordo con la nuova direzione del presidente Barack Obama di promuovere le "commercial human spaceflight capabilities".

L'Amministratore capo della NASA Charles Bolden ha detto: "Il presidente ha chiesto alla NASA di associarsi con l'industria aerospaziale in un modo fondamentalmente nuovo, facendo dei servizi commerciali la modalità primaria per il trasporto di astronauti verso la Stazione Spaziale Internazionale. Noi siamo lieti di essere in grado di andare avanti velocemente per anticipare questo piano entusiasmante per la NASA".

Attraverso una competizione della American Recovery and Reinvestment Act of 2009 la NASA ha assegnato 'Space Act Agreements' alle seguenti società (tra parentesi i fondi assegnati):

  • Blue Origin (3,7 milioni di dollari)
  • The Boeing Company (18 milioni di dollari)
  • Paragon Space Development Corporation (1,4 milioni di dollari)
  • Sierra Nevada Corporation (20 milioni di dollari)
  • United Launch Alliance (6,7 milioni di dollari)

Gli agreement (accordi) finanziano parzialmente lo sviluppo di Concept, dimostratori tecnologici e studi vari per i "commercial support of human spaceflight", cioè per il supporto che in futuro daranno le imprese commerciali ai voli spaziali umani.

"Queste selezioni rappresentano un passo critico per consentire futuri voli spaziali commerciali con astronauti. Queste impressionanti proposte consentiranno alla NASA di avanzare lungo il cammino dell'utilizzazione di servizi commerciali per trasportare astronauti da e per l'orbita bassa terrestre, e non vediamo l'ora di lavorare con i team selezionati" sono le parole di Doug Cooke, Amministratore Associato NASA per gli Exploration Systems.

La gestione NASA di questa iniziativa è del C3PO, il Commercial Crew and Cargo Program Office (Johnson Space Center, Houston).

Fonte dati, NASA.

4 commenti:

  1. Abbiamo rinunciato, per ora, al ritorno sulla Luna e quindi anche allo sbarco su Marte....spero, però,che questa nuova strategia basata sull'investire fondi nei privati, possa non solo garantire un accesso sicuro ed economico all'orbita bassa terrestre, ma anche favorire il ritorno a missioni nell'orbita alta e anche , magari,a futuri e sempre meno costosi lanci per il turismo spaziale.
    Non mi dispiacerebbe, infatti, andare lassù ad ammirare la Terra dallo spazio....speriamo che sia così.

    RispondiElimina
  2. Obama è stato un genio! Il programma Costellation posava le basi su una tecnologia vecchia risalente agli anni '80 per lo shuttle e agli anni '60 per i motori che si volevano impiegare.. con la scusa della crisi finalmente si è deciso di smetterla con questa filosofia di andare avanti con pezzi vecchi e dal costo non esattamente "chiaro" come per lo Shuttle, che si è rivelato tuttaltro che economico!
    Finalmente si e dciso di creare tecnologie innovative ed economicamente sostenibili nel tempo!
    Certo... la voglia di vedere qualche astronauta passeggiare sulla luna (in un bel video HD o meglio ancora 3D) è tanta ma se bisogna aspettare qualche anno in più perchè luna è marte siano in qualche modo più vicini e affrontati con una tecnologia più efficace allora forse meglio cosi!

    RispondiElimina
  3. A proposito di nuove tevnologie segnalo il razzo al plasma che sta sviluppando la NASA:

    http://nextbigfuture.com/search?updated-max=2010-01-31T08%3A30%3A00-08%3A00

    RispondiElimina
  4. Il motore a cui fai riferimento è il VASIMR della società Ad AStra Rocket Corporation. Ne abbiamo parlato in questo post

    http://newsspazio.blogspot.com/2008/08/propulsione-spaziale-ioni-test-nuovi-e.html

    RispondiElimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. L'unica condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità.